Carte prepagate Maestro: quali sono, come richiedere, condizioni

Maestro è un circuito che fa riferimento sempre a Mastercard. Le carte Maestro non si trovano in genere con il solo marchio, ma collegate all’istituto di credito di riferimento.

Esistono le carte prepagate Maestro? Dove si possono richiedere e come? Ecco tutte le soluzioni e come usare queste carte di credito.

Il circuito Maestro

Il circuito Maestro nasce nel 1992, come secondo marchio collegato a Mastercard. Inizialmente, proponeva solo carte di debito, ovvero di collegamento al conto corrente. Oggi, ha anche carte prepagate, anche se in Italia sono difficili da trovare.

La società non emette direttamente, ma attraverso istituti di credito e Poste Italiane.

Quali sono le carte prepagate Maestro

Le carte prepagate Maestro non si trovano facilmente. Si possono trovare come carta prepagata di una determinata banca. Quando si vedrà qual è il circuito collegato, probabilmente si vedrà che è Maestro o Mastercard. La differenza c’è.

La prima cosa da fare è essere certi che si tratti di una carta prepagata. Infatti, molte carte di credito Maestro si usano per addebitare importi sul conto corrente. Altro fattore da tenere in considerazione è quali sono le carte con minori commissioni e se, per la banca che emette la carta almeno, non ci sono costi per il prelievo o per ricaricare il conto.

Quindi, le carte prepagate Maestro sono quelle che si trovano in banca e non sono collegate a un conto corrente. Si dovrà chiedere in filiale se c’è questa disponibilità.

Come richiedere

Per richiedere la carta di credito, basta andare in qualsiasi filiale con le fotocopie dei propri documenti di riconoscimento e il denaro contante sufficiente per attivare la carta prepagata e per inserire il primo importo all’interno. Da quel momento, si potrà subito usare la carta, perché verranno consegnati alla firma dei documenti le credenziali di accesso.

Condizioni

Le condizioni di utilizzo della carta dipende da filiale a filiale. In ogni caso, si tratta di una carta che serve per:

  • Ricaricare.
  • Prelevare.
  • Utilizzare per gli acquisti online e nei negozi.

Poco altro, in effetti. L’unica cosa da verificare è se c’è un canone annuo e quali sono le commissioni. Queste dipendono sempre dai singoli istituti di credito.

Maestro o Mastercard?

Se non si riescono a trovare carte prepagate Maestro, forse conviene andare alla fonte e scegliere una carta prepagata Mastercard. In questo modo, non si sarà legati ad alcuna filiale bancaria e si potrà scegliere anche tra un vasto numero di carte conto.

La carta prepagata Mastercard, in più, è accettata molto di più rispetto a una carta Maestro nei negozi e online. Infine, si potrà utilizzare il servizio clienti di Mastercard in caso di furto, smarrimento o transazione non riconosciuta.

Insomma, anche se appartenenti alla stessa “famiglia” aziendale, le carte Mastercard o Maestro non sono uguali e hanno condizioni di servizio molto diverse tra di loro (e anche tra Maestro e Maestro, in base al contratto con la banca).

Conclusione e consigli utili

Sia per quanto riguarda l’emissione e l’offerta, che per quanto riguarda i servizi di assistenza, le carte prepagate Maestro fanno riferimento alla banca che li emette e non al circuito internazionale. Per questo, è fondamentale chiedere un foglio informativo in banca.

In più, potrebbe essere utile avere un’alternativa, in modo da non essere costretti ad aprire un conto corrente pur di avere la carta di credito.

Infine, è importante dare un’occhiata alle commissioni, per vedere quali sono le novità e se è possibile portare la carta di credito all’estero (oppure se è meglio evitare per via della commissioni troppo elevate).

Una volta ottenuta, si potrà prelevare in tutti gli sportelli ATM, pagando una commissione per le banche che non sono collegate a quella che l’ha emessa.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTMLtag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>