Conto deposito libero o vincolato: qual è la scelta migliore?

Ottenere un possibile risparmio o un maggiore rendimento dei propri investimenti è l’obiettivo che accomuna tutti i risparmiatori che decidono di investire i risparmi di una vita, ma qual è la scelta migliore tra il conto deposito libero o vincolato?

Da diversi anni però  molti degli investitori si sono assolutamente scoraggiati dall’instabilità economica del nostro Paese e hanno preferito quindi rinunciare a investire i propri risparmi proprio per evitare di incorrere in una possibile perdita di capitale utilizzando strumenti finanziari spesso considerati troppo poco affidabili.

Nonostante il clima finanziario non sia dei migliori però sono numerosi invece gli investitori che si sono affidati a conti deposito libero o vincolato per investire il proprio capitale a disposizione, uno strumento finanziario particolarmente in voga negli ultimi anni considerato da molto assolutamente sicuro, dato che permette al cliente di depositare il capitale senza alcun rischio ma ottenendo un rendimento economico.

Cos’è un conto deposito libero?

Il conto deposito è uno strumento finanziario, ovvero un conto deposito, che consente ai clienti di depositare una somma di denaro attraverso il quale la società che ha acquistato le somme depositate si impegna a custodire l’importo, e a corrispondere tutti gli interessi che maturano secondo disposizioni stabilite in fase contrattuale.

Esistono due tipologie di conto deposito che permettono ai risparmiatori di ottenere maggiore sicurezza o maggiore rendimento economico, a seconda anche dalla tipologia di conto deposito scelto, ma soprattutto in base a quanto stabilito dall’istituto di credito presso il quale si decide di depositare il capitale.

Il conto deposito libero consente ai cliente di depositare liberamente il proprio capitale e di ottenere le somme versate comprese degli interessi maturati in qualsiasi momento senza alcun vincolo temporale. Di contro il conto deposito vincolato invece presenta delle particolari clausole dato che permette ai risparmiatori di ottenere le somme versate comprese dei rendimenti applicati solo alla scadenza del vincolo come pattuito.

Differenze tra conto bancario e conto deposito

 

Il conto deposito differisce completamente dal tradizionale conto corrente, dato che le operazioni consentite al cliente in questa circostanza sono relative esclusivamente al versamento e deposito di denaro, operazioni che potranno essere effettuate solamente tramite conto corrente d’appoggio.

A differenza dei conti corrente però i conti deposito consentono al cliente di ottenere un possibile rendimento dalle cifre versate su conto deposito libero, tramite dei tassi di interesse e secondo quanto pattuito in fase contrattuale, sicuramente i tassi di interesse saranno proporzionali all’operatività limitata.

I conti deposito vengono considerati infatti dei conti bancari con elevato rendimento e basso rischio, in quanto vengono utilizzati da tutti i risparmiatori sia come conto deposito del capitale ma soprattutto come investimento ideale ad ottenere guadagni nel tempo.

Sicuramente il conto deposito libero consente di ottenere al cliente la disponibilità del capitale investito immediatamente e senza alcun vincolo temporale. Ma proprio in questa circostanza la maggiore libertà legata alla tipologia di contratto rende meno conveniente l’investimento dal punto di vista redditizio al risparmiatore, dato che consente di ottenere un minore rendimento economico. Tale soluzione è indicata principalmente per i risparmiatori che potrebbe avere necessità di disporre improvvisamente della cifra versata come capitale.

Il conto deposito di tipo vincolato consente invece di ritirare il capitale versato compreso degli interessi maturati esclusivamente secondo il vincolo temporale stabilito in fase di stipula del contratto. Solitamente la scadenza del vincolo varia da un mese fino ad un massimo di 36 mesi, a seconda dell’istituto di credito e della tipologia di contratto.

In questa circostanza il vincolo temporale fa sì che gli interessi applicati al conto deposito vincolato siano necessariamente più elevati e di conseguenza più convenienti per il cliente, maggiore sarà il periodo di vincolo maggiori saranno gli interessi che verranno corrisposti al cliente. Tale tipologia di conto deposito è particolarmente interessanti per chi ha assoluta certezza di non avere necessità del capitale versato nel conto deposito, ma che allo stesso tempo mira ad ottenere maggiori rendite economiche.

Sia il conto deposito libero che vincolato rappresentano la soluzione ideale per molti investitori, e senza alcun rischio dato che gli interessi sui depositi bancari vengono erogati dalla banca, ecco perché è praticamente impossibile la perdita del rendimento o della giacenza inziale.

 

 

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTMLtag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>