Mutui green

Come usufruire delle agevolazioni per costruire o ristrutturare la casa

Comprare una casa è oggi una delle scelte più importanti che si possano fare. Una serie di adempimenti burocratici, ma soprattutto pesanti costi, si presentano al cospetto di chi ha l’intenzione di coronare il sogno di un’abitazione tutta sua. Una situazione che costringe la maggior parte degli aspiranti proprietari alla sottoscrizione di mutui.

Dalla scelta dell’offerta più adatta alle proprie esigenze al controllo dei tassi di interesse fino alle varie spese che possono essere applicate, i fattori che devono essere monitorati dagli aspiranti mutuatari sono davvero numerosi. Ma una serie di adempimenti si aggiungono, complicando ulteriormente le cose, nei mutui green.

Mutui green: di cosa si tratta?

Riqualificazione energetica degli edifici, sfruttamento delle energie alternative, bioedilizia, ecologia: sono ormai termini entrati di prepotenza nel settore dei mutui e delle costruzioni. Anche in Italia lo sviluppo delle energie alternative e soprattutto l’adeguamento delle abitazioni ai nuovi canoni previsti dalle normative europee, ha portato ad una serie di cambiamenti, anche nel campo dei mutui.

I cosiddetti mutui green rappresentano, oggi, uno dei prodotti più utilizzati per abbattere i costi , adeguarsi alle nuove norme e rispettare l’ambiente. Tassi di interesse agevolati e spread notevolmente inferiori caratterizzano questa tipologia di mutuo, sia per la ristrutturazione che per la costruzione di una nuova abitazione. Ma quali sono le caratteristiche che deve avere l’immobile per accedere ai mutui green?

Scarsa dispersione ed utilizzo di materiali ecocompatibili: gli obblighi della classe energetica A

La classe energetica A è il primo aspetto che viene valutato. Con il termine classe energetica si intende l’insieme dei fattori che rende un immobile “efficiente” dal punto di vista energetico. E’ il consumo di energia, definito in kwh/m2 annui, a rappresentare uno dei parametri ritenuti essenziali per classificare la casa con il codice A+. 

In sostanza è indispensabile che il calore venga “trattenuto” nell’immobile così da risparmiare sui costi energetici derivanti dai riscaldamenti. Più è alta la capacità di evitare la dispersione del calore interno, migliore è la classificazione energetica che viene applicata alla casa. Per raggiungere questo obbiettivo, usufruendo così dei vantaggi dei mutui green, è indispensabile utilizzare dei materiali particolari, tutti ecocompatibili, così da soddisfare i parametri di bioedilizia.

Un immobile ecosostenibile è una casa che riesce a sfruttare l’energia solare ed eolica installando i vari apparecchi che ne facilitano l’utilizzo, come ad esempio i pannelli solari. Anche il raffreddamento è indispensabile per determinare la classificazione energetica di tipo A. Realizzare delle aree verdi con alberi può rappresentare, infatti, una fonte di frescura nei caldi periodi estivi.

Insomma sono tanti gli obblighi da rispettare per accedere alle agevolazioni dei mutui green. Ma quali sono gli aspetti principali che caratterizzano questa forma di finanziamento?

Le agevolazioni dei mutui green

E’ l’applicazione di tassi di interesse di particolare favore a caratterizzare questa categoria di mutui. Lo spread previsto dai vari istituti di credito è, al massimo, di cinque punti percentuali. Insomma una condizione di particolare vantaggio, ma non l’unica.

I vari interventi necessari per l’applicazione di impianti fotovoltaici e solari possono essere finanziabili anche per il 100% della somma necessaria. Insomma convenienza garantita sia per i clienti che sottoscrivono il finanziamento, ma anche per le banche che incorrono in un rischio di insolvenza davvero minimo.

Con il passare degli anni un numero sempre maggiore di banche ha deciso di adottare questa particolare forma di mutuo proponendo diverse tipologie di mutui green, tutte a condizioni di particolare favore.

Sono tre le forme di finanziamento proposte da Banca Etica: Mutuo Chirografario Ristrutturazione Efficientem oltre al Progetto Fotovoltaico, ed il Mutuo Microenergia. Anche la Banca Credem, tra i vari prodotti, offre il Mutuo Energia rivolto ai lavori di efficientamento energetico con una quota finanziabile pari al 100%.

Risparmio Energia è l’offerta di Banca Popolare. Si tratta di una forma di finanziamento che copre al 100% tutte le spese da realizzare, fino ad una soglia massima di 100mila euro con un rimborso spalmabile fino a dieci anni per i mutui ipotecari e fondiari e sette per i chirografari.

Un finanziamento che va dai 10.000 ai 75.000 euro è invece previsto dal Mutuo Energia XL di BNL con un rimborso compreso tra i sessantuno e i centoventi mesi.

Fino a quindici anni di durata è invece prevista dal mutuo di Banca Sella per il finanziamento “Energia Pulita”. La quota finanziabile, anche in questo caso, è del 100%.

 

 

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTMLtag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>