Azioni Ferrero: conviene investire?

Ferrero è una delle aziende di famiglia più importanti nel settore alimentare italiano e internazionale. Non solo Nutella: tutti i prodotti Ferrero sono noti e sono simbolo di qualità. Qual è la situazione a livello di Borsa?

Le azioni Ferrero sono considerate quasi un investimento sicuro per il mercato italiano. Quanto c’è di vero e come è possibile ottenere le azioni di Nutella?

Azioni Ferrero: andamento

Le azioni Ferrero non sono semplici da trovare, perché il fondatore non ha voluto quotare la società in Borsa per molto tempo. L’andamento delle azioni disponibili è molto positivo e abbastanza costante. Infatti, Ferrero è una grande realtà aziendale e la famiglia investe anche su altri fronti, dove è possibile trovare delle azioni, anche se non legate all’attività nell’alimentare.

Il consiglio è, quindi, di visitare il sito dell’azienda, per capire quando saranno disponibili nuovi strumenti di investimento e approfittarne subito.

Modalità di investimento: consigli

Ci sono due modalità per poter investire nell’universo Ferrero. La prima è una forma di investimento a medio e a lungo termine. Per farlo, sarà necessario vedere sul sito dell’azienda quando ci sarà una ricapitalizzazione, che consenta di investire in azioni Ferrero.

Altrimenti, si può pensare a una forma di investimento a brevissimo termine, sfruttando gli CFD e i pacchetti azionari, dove sarà possibile trovare delle azioni di questo tipo. Non sarà un’impresa facile, perché chi ha delle azioni di Ferrero se le tiene ben strette. I dividendi, però, sono davvero elevati, quindi ne vale assolutamente la pena.

Azienda e storico

La Ferrero nasce nel 1946, ad Alba. La rivoluzione si ha intorno agli anni Sessanta, con l’ideazione della mitica Nutella. L’espansione è molto rapida. Negli ultimi anni, arrivano anche le sedi negli Stati uniti e in Gran Bretagna. Ancora oggi, la Nutella, ma anche i Ferrero Rocher, i Mon Cheri, le merendine e gli altri prodotti targati Ferrero sono i migliori e sono garanzia di qualità.

Con la morte di Michele Ferrero, avvenuta nel 2015, oggi alla guida dell’azienda c’è Giovanni Ferrero. La società è oggi una delle più ricche del mondo e la più ricca in Italia. Investe in ricerca e innovazione, ma anche prodotti “tradizionali”, che hanno come punto di forza proprio il fatto di non cambiare mai.

La società è quindi molto solida e, al netto dei rischi collegati al mondo azionario, è sicuramente una delle migliori sulle quali investire.

La concorrenza di Ferrero

Nonostante la sua espansione soprattutto italiana, Ferrero tiene con una certa tranquillità testa a marchi internazionali come Neslé. Tra la concorrenza italiana, non mancano: Mulino Bianco, ma anche Balconi, Motta e numerosi marchi legati al settore dolciario.

Alcuni hanno anche cercato di imitare la Nutella, con scarsi risultati anche sul mercato azionario. La società, infatti, vanta una distribuzione capillare e dei prodotti difficili da imitare. Di recente, anche i nuovi prodotti hanno comportato un aumento di fatturato.

Insomma, Ferrero è un’ottima azienda su cui investire, perché ha sì dei rivali, ma la concorrenza, per quanto spietata, non riesce a fermare questa grande impresa famigliare.

Conclusione

Le azioni Ferrero sono difficili da trovare, ma chi sta attento alle quotazioni di mercato può trovare ottimi rendimenti da queste azioni. In più, si può investire a lungo, medio e breve periodo. Questo consentirà di inserire nel pacchetto azionario anche qualcosa di più rischioso, ma anche di remunerativo, usando queste azioni nel settore alimentare come paracadute.

Il consiglio è di provare le azioni Ferrero anche se non si è espertissimi del mercato azionario, tenendo conto che le azioni comportano sempre qualche rischio. Come sempre, si prega di investire in più attività, per garantirsi un certo margine a livello di ritorno dell’investimento.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTMLtag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>