Azioni HSBC: modalità di investimento e se conviene

HSBC è una banca francese, che, però, propone anche investimenti commerciali e diversificati. Le azioni di HSBC non sono una novità, ma ora c’è da vedere se questi strumenti finanziari sono davvero convenienti o meno.

Le azioni HSBC si trovano quotate in Borsa, ma anche nelle piattaforme di trading. Per questo, è importante vederci chiaro sull’andamento negli ultimi anni e sulle caratteristiche di questi strumenti prima di investire o di inserire queste azioni in un pacchetto di investimento.

Azioni HSBC: andamento

L’andamento di queste azioni è abbastanza altalenante. Fino al 2006, i titoli sono sempre stati al rialzo. Qualcosa è cambiato tra il 2006 al 2009, dove i titoli hanno perso quasi la metà del loro valore. Oggi, invece, dopo un primo periodo di apprezzamento, le azioni hanno giornate sì e giornate no, con giornate no che possono arrivare anche a perdere il 20% del valore rispetto al giorno precedente.

Prima di farsi scoraggiare dai numeri, però, è bene dare un’occhiata alle modalità di investimento disponibili e quali sono i parametri che danno l’idea della forza di questa azienda. Infatti, parliamo di una banca internazionale, con sede in Francia, che investe a sua volta in diversi settori.

Modalità di investimento: consigli

Per le azioni HSBC, ci sono due modalità di investimento consigliate:

  • Brevissimo termine. Questa modalità consente di approfittare dei picchi positivi di questi titoli e di rivendere velocemente quando questi iniziano a perdere valore.
  • Medio termine. In questo caso, queste azioni andranno inserite in un pacchetto. In questo modo, se ci saranno delle perdite, saranno calmierate da altri investimenti andati a buon fine nel pacchetto. Se si fa questa scelta, è anche consigliabile fare un’analisi tecnica sui progetti che la banca intende intraprendere nel periodo di investimento.

In questo momento storico, gli investimenti a lungo termine sono da considerare un po’ rischiosi, ma si potranno riconsiderare in seguito.

Azienda e storico

Parlando di azioni HSBC, non si può fare a meno di verificare l’azienda e le sue caratteristiche. L’HSBC nasce come gruppo bancario prima francese, poi internazionale. Non ha debiti, ma ha dalla sua qualcosa come 264mila dipendenti. La società investe in diversi settori: poco meno del 50% di questi è rappresentato dal settore bancario, con gli strumenti base di investimento (conti, strumenti finanziari, ecc.).

In più, la banca ha affari commerciali pari a quasi il 30% delle proprie entrate. Seguono a ruota i servizi di intermediazione e i servizi di banca privata (questi ultimi sono meno del 3%). Ne consegue che si sta parlando di azioni di una società finanziariamente solida.

D’altra parte, vanta crediti per 846 miliardi di Euro, che non sono proprio pochi. Al momento, un’azione vale circa 8 Euro, contro i 15 del 2006 e i 7 dell’anno scorso.

Conclusione

HSBC è una società importante, solida, con bassa concorrenza. Le quotazioni in Borsa mostrano cambiamenti da un giorno all’altro, ma l’andamento sta lentamente andando verso il rialzo. Non è abbastanza per poter fare investimenti a lungo termine, ma è abbastanza per dare fiducia con investimenti brevi o di media durata.

La forza della banca è negli investimenti diversificati e nella sua capacità di andare oltre i servizi creditizi a famiglie e imprese. Un po’ difficile che possa fallire, dato che gestisce qualcosa come milioni di miliardi di Euro.

Più corretto pensare che la crisi abbia colpito anche questa realtà e che, quindi, HSBC debba avere il tempo di riprendersi con innovazioni che non tarderanno ad arrivare. Anche qui, gli CFD non sono male come idea di investimento, mentre chi gioca in Borsa deve stare più attento, avendo cura di chiedere informazioni e di visitare il sito della società per saperne di più. Come sempre, mai investire gran parte del capitale in una sola realtà.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTMLtag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>