Azioni Atlantia: come investire

Atlantia non è un’azienda che nasce per caso. Evoluzione di Autostrade per l’Italia, è una società per azioni che investe su autostrade e aeroporti italiani ed esteri.

Le azioni Atlantia sono tra le modalità di investimento nel settore dei trasporti. Come fare per capire se l’investimento vale la pena o meno? Ecco qual è l’andamento di queste azioni e consigli per investire al meglio.

Azioni Atlantia: andamento

L’andamento delle azioni Atlantia è molto positivo per quanto riguarda il medio e il lungo termine. In particolare, la società si caratterizza per azioni che non sono molto volatili, ma che garantiscono un buon rendimento.

Il merito di questo risultato è di diversi fattori. Prima di tutto, l’ammordernamento e la riorganizzazione generale dell’impresa, che ha acquisito nuovo know how e consolidato quello vecchio. L’operazione di retargeting ha ottenuto ottimi effetti, sui mercati.

Al momento, la quota è di 26,72, per una volatilità intraday (= ovvero azioni di investimento e di disinvestimento in 24 ore) di 1,264. Come investire alla luce di questo andamento azionario?

Modalità di investimento: consigli utili

Le azioni Atlantia sono azioni di una società che non solo opera con diversi Paesi nel pubblico, ma che ha azionisti molto forti sul mercato. Non solo la famiglia Benetton ha deciso di investire nel progetto, ma anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, oltre a tantissimi privati.

Gli interventi statali ed europei sulla mobilità passano per questa società. Per questo, le azioni di questo ente si possono pensare come azioni concrete verso strade migliori e più sicure. Quindi, chi ha un pacchetto azionario dovrebbe investire nel medio e nel lungo periodo.

Meno conveniente risulta l’investimento in 24 ore o anche più veloce, perché la volatilità è troppo bassa per garantire un reale guadagno. Le recenti acquisizioni sono i migliori segnali per offrire il massimo non solo a chi usa autostrade ed aeroporti, ma anche come base per nuovi progetti di sviluppo.

Azienda e storico

Atlantia nasce nel 2002 come società per azioni. Gestisce una vasta rete di infrastrutture in diversi Paesi. Non solo l’Italia, ma anche in Paesi come: Cina, Cile, Brasile, Francia e Polonia la società per azioni è presente. Oltre ai pedaggi sulle autostrade, l’azienda investe ed è protagonista negli aeroporti di: Fiumicino, Ciampino, Nizza, Saint Tropez e Cannes-Mandelieu.

L’azionista di maggioranza è la famiglia Benetton. Atlantia non è altro che ex Autostrade per l’Italia, con la partecipazione anche del gruppo Abertis. Nel 2017 la società ha raggiunto ricavi per 5,97 miliardi di Euro.

Quindi, si investe abbastanza sul sicuro, al netto dei rischi che l’investimento in azioni comporta proprio per la natura stessa di questi strumenti finanziari.

Conclusione

Le azioni Atlantia sono l’ideale per chi vuole investire e desidera azioni che possano diventare una base per successivi investimenti con maggiore margine, ma con maggiori rischi collegati. Chi guadagna con le azioni sa bene che nessuna azione è senza rischi.

Ci sono azioni, però, che possono essere più sicure di altre e che garantiscono, anche attraverso clienti importanti, minori rischi di fallimento. I vantaggi non mancano: l’investimento rende e offre reali opportunità per chi investe.

Per contro, con tutte le garanzie del caso, si tratta sempre di azioni, quindi c’è sempre un po’ di rischio. Il consiglio è quello di informarsi sui piani di investimento futuri e guadagnare da questi progetti di riflesso attraverso investimenti mirati in azioni nel lungo periodo e, perché no, anche nel medio se non ci sono disponibilità di budget elevate.

Scegliere le azioni di questa società non è una scelta sbagliata: un’analisi tecnica consentirà di ottenere qualcosa in più per quanto riguarda questa e altre società dove c’è una partecipazione dello Stato, almeno come cliente finale.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTMLtag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>