Poste italiane buoni fruttiferi 2022: le caratteristiche del ‘risparmio assicurato’ di Poste

Nel settore economico finanziario e soprattutto del risparmio, da sempre la sicurezza è un punto cardine. Sono davvero tanti i risparmiatori che prediligono la garanzia ai margini di guadagno elevato sottoscrivendo, ad esempi, i buoni fruttiferi di Poste Italiane.

I buoni fruttiferi postali sono dei titoli di credito che vengono garantiti dallo Stato. Si tratta, in pratica, di una formula che consente di investire o disinvestire in qualsiasi momento. La garanzia di recuperare il denaro investito è massima oltre ad ottenere un certa somma di tassi di interessi. Ma i vantaggi non si fermano alla sicurezza vista la varietà di prodotti, adatti a tutti i tipi di investimento.

Dai ventennali agli investimenti a breve termine: la gamma di scelta è davvero ampia e si traduce in un prodotto davvero completo.

Buoni fruttiferi postali, un po’ di storia

Istituiti nel 1924 per raccogliere, nella Cassa Depositi e Prestiti, i fondi che non potevano essere investiti nei classici libretti di risparmio, furono emessi, nell’anno successivo, in tagli da 100, 500 e mille lire. L’aggiunta di un ulteriore buono, pari a 5 milioni di lire, avvenne in un periodo successivo, a seguito del successo riscontrato nel primo periodo di emissione.

Da quel momento nuovi tagli vennero emessi con sempre maggiore frequenza rendendo i buoni fruttiferi postali, lo strumento di investimento più importante dell’epoca. Il successo dei BFP è dovuto soprattutto alle sue caratteristiche peculiari che lo rendono adatto ad ogni esigenza.

Le caratteristiche dei buoni fruttifero postali

I buoni fruttiferi postali si configurano come un investimento che può essere sottoscritto e rimborsato in tutti gli uffici postali del nostro paese. Una diffusione capillare quello dei servizi di Poste Italiane sicuramente non comune agli altri istituti di credito del nostro paese. Ma è la garanzia dello Stato, come detto, a rappresentare uno dei vantaggi più rilevanti dei Buoni Fruttiferi Postali, al pari dei BOT.

Un’altra peculiarità di notevole interesse dei BFP è, senza dubbio, la mancanza di spese e commissioni. E’ importante tenere presente, inoltre, che questo tipo di titolo può essere emesso sia in forma cartacea che dematerializzata.

Anche le modalità del rimborso rappresenta un elemento di indubbio vantaggio visto che possono essere pagati a vista e ben prima della scadenza: caratteristica davvero conveniente rispetto alle formule “classiche” degli istituti di credito privati.

Per quanto riguarda un aspetto sicuramente non secondario, come il rendimento, è da sottolineare come venga applicata una ritenuta sui guadagni pari al 12,50% un elemento che rende i buoni  fruttiferi postali a lungo termine, molto più convenienti visto che i margini, tra l’altro, sono crescenti nel tempo. Un’altra voce di spesa è il bollo mentre la somma massima che può essere rimborsata è pari a 5mila euro.

L’elemento di differenza tra i diversi buoni fruttiferi postali è la durata. Scegliere un buono con una determinata scadenza, significa accedere ad un rimborso adattato a quel tipo di lasso temporale. Il valore massimo è pari a venti anni mentre il minimo è di diciotto mesi.

Le tipologie di buoni fruttiferi postali

Valutare le varie caratteristiche dei BTF è indispensabile per comprendere i punti di forza e, naturalmente, il margine di guadagno (Per calcolare il margine di guadagno dei BTF, è utile consultare la nostra guida). I buoni fruttiferi BFT Europa, ad esempio, hanno una durata di quattro anni. Alla scadenza del contratto offrono un rendimento garantito con la possibilità di ottenere dei premi a lunga scadenza.

Ma un vincolo dalla durata minima equivale ad un guadagno ridotto. Per coloro che “possono aspettare” esiste il buono BFP 3X4. Si tratta di un prodotto che ha una durata dodici anni con un tasso di interesse crescente al terzo, al sesto, al nono ed al dodicesimo anno. Un tasso di interesse crescente caratterizza anche questa formula con una capitalizzazione annuale. 

Ma le tipologie di buoni fruttiferi postali sono davvero tante ed adatte a tutte le esigenze. Con BTF indicizzati all’inflazione italiana è possibile raggiungere un margine di interesse pari al 100% dell’inflazione del nostro paese. Con “Eredità Sicura“, invece, è dedicato ai beneficiari di un procedimento successorio mentre, per le piccole e medie attività, è possibile sottoscrivere un BTFImpresa. Insomma un margine di scelta elevato per uno dei prodotti più interessanti per il risparmio.

Quali sono i Vantaggi e Svantaggi dei Buoni Fruttiferi Postali?

Se ti stai avvicinando al mondo degli investimenti in questo momento, bisogna prima capire come devi gestire i tuoi soldi per proteggerli e renderli redditizi.
Per quanto riguarda BFP, la convenienza è una questione soggettiva. Per i risparmiatori che non sono finanziariamente esperti e disposti a correre dei rischi, questa soluzione sembra il modo migliore per iniziare a investire da soli.
Questo perché i Buoni Postali:

  1. Sono garantiti dallo stato italiano, quindi è difficile perdere soldi;
  2. I fondi possono essere svincolati in qualsiasi momento senza essere meno di quanto investito (d’altra parte, con i bot, potresti dover vendere a un prezzo inferiore);
  3. Godono di agevolazioni fiscali: l’imposta, come si dice, è del 12,50%;
  4. Sono facili da capire;
  5. Non hanno i costi di amministrazione dei fondi pensione e delle polizze vita: se i benefici offerti sono meno allettanti, non è da escludere che offrano qualcosa in più di una super polizza di un consulente finanziario o assicurativo.

Buoni fruttiferi postali rendimento

Come sempre, ci sono pro e contro da considerare. Scopriamo cosa crea confusione in questo approccio di investimento:

  1. Basso rendimento: è chiaro che coloro che vogliono assumersi maggiori rischi e desiderano tassi di interesse più elevati devono guardare altrove. “Hai bisogno di dirmelo?”, potresti pensare: sì, l’esperienza ci dice che la ripetizione vale sempre, anche se è considerata un concetto base;
  2. Le possibilità di fare soldi subito sono scarse: anche questa è una conclusione scontata, ma a onor del vero lo ripetiamo. Ebbene, a dire il vero, ci sono pochissimi investimenti che consentono ai piccoli risparmiatori di fare grandi guadagni nel breve termine, e il BFP di certo non lo permetterà.

Quanto Rendono i Buoni fruttiferi delle Poste

Esistono molti tipi di tagliandi postali: bisogna prestare attenzione a varie problematiche di volta in volta. Possono essere cartacei o dematerializzati (nessun titolo affisso ma firmato online) e possono essere co-registrati.

Il tasso di rendimento è variabile, a seconda della situazione: in alcuni casi il tasso di rendimento è un aumento fisso, è fisso con la parte variabile, oppure è semplicemente fisso.

Anche i tempi sono cambiati: finora le obbligazioni a breve termine come quelle a 18 mesi non sembrano essere molto redditizie. D’altra parte, più redditizie sono le obbligazioni a lungo termine, come le obbligazioni regolari (che hanno una scadenza di 20 anni).

Vediamo ora quali Buoni di Risparmio Postali sono disponibili per la sottoscrizione nel 2019 e quali sono i loro rendimenti, ipotizzando un Libretto postale regolare di 20 anni con un rendimento totale garantito dello 0,93%.

Buoni Ordinari

Questo buono è pensato per chi vuole investire fino a 20 anni senza rinunciare alla flessibilità di rimborsare in qualsiasi momento e cercare di incrementare il proprio reddito fisso. Gli interessi vengono riconosciuti un anno dopo la sottoscrizione e poi pagati ogni due mesi al momento del rimborso della cedola. Scegliendo questo strumento puoi investire a lungo termine senza costi di sottoscrizione, amministrazione o riscatto, sfruttando i vantaggi fiscali e la sicurezza di un tasso fisso per renderlo un investimento sicuro. Puoi abbonarti a 50 euro o multipli di 50.

Buono 3 anni Plus

Questo tipo di investimento è adatto a chi vuole fare un investimento a medio termine. Infatti ha una durata di 3 anni. È possibile richiedere il rimborso della cedola in qualsiasi momento, fermo restando il ricevimento dei fondi investiti e al termine del triennio, comprensivi degli interessi maturati.

Tale cedola non comporta la commissione di sottoscrizione o di rimborso del Buono Risparmio Postale, che è soggetto, oltre alle tasse, a un’imposta in conto interessi del 12,50%.

Puoi iscriverti direttamente online via web e app BancoPosta oppure recarti in qualsiasi ufficio postale per importi a partire da 50 euro o multipli.

Il rendimento totale annuo alla fine del terzo anno è dell’1%.

Buono 3×2

Tale cedola è valida anche a breve termine in quanto ha validità 6 anni, inoltre gli interessi maturano dopo che i primi tre anni sono trascorsi.

Puoi richiedere il rimborso del coupon in qualsiasi momento e avrai diritto al rimborso del capitale investito e, dopo 3 anni, degli interessi maturati al termine del triennio.

Oltre alle tasse, non devi pagare la sottoscrizione o il riscatto del Buono Risparmio Postale, nel qual caso puoi anche godere di un credito d’imposta del 12,50%.

Come altri buoni, puoi abbonarti online direttamente dal web e dall’app BancoPosta, oppure recarti in qualsiasi ufficio postale per importi a partire da 50 euro o più.

Gli interessi sono:

  • 0,75% alla fine del terzo anno;
  • 1,75% alla fine del sesto anno.

Buono 3×4

Se vuoi investire fino a 12 anni e fare affidamento su maggiori rendimenti fissi e flessibilità di rimborso con riconoscimento degli interessi maturati anche dopo 3, 6 e 9 anni, questo strumento fa per te: considera di completare ogni tre anni.

Non sei soggetto a commissioni o commissioni per la sottoscrizione, il riscatto o la gestione dei Buoni di Risparmio Postali e goditi una riduzione d’imposta del 12,50%.

Il rendimento è di:

  • 0,75% alla fine del 3° anno;
  • 1,25% alla fine del 6° anno;
  • 1,75% alla fine del 9° anno;
  • 2,00%% alla fine del 12° anno.

BFP 4X4

La durata è di 16 anni, gli interessi maturano ogni 16 anni e puoi chiedere il rimborso in qualsiasi momento, ma gli interessi vengono riconosciuti solo dopo 4, 8 e 12 anni.

Rendimento:

  • Alla fine del quarto anno: 1,00%;
  • Alla fine dell’ottavo: 1,50%;
  • alla fine del 12esimo: 1,75%;
  • Alla fine del sedicesimo: 3,00%.

Buoni Postali 4 anni risparmiosemplice

I Buoni 4 anni risparmiofacile sono sottoscrivibili solo nell’ambito del piano di risparmio risparmio semplice. Con la sottoscrizione del Buono all’interno del Piano di risparmio, hai la possibilità di accantonare periodicamente importi, anche contenuti, al fine di costruire un capitale nel tempo per scopi previdenziali.

Rendimento:

  • l’1 % per il buono standard;
  • l’1,50% la versione premium.

Buono Fruttifero Postale Rinnova

È progettato per coloro che desiderano reinvestire i propri risparmi fino a 6 anni, ma il prodotto ha la flessibilità di rimborsare anche dopo 3 anni e riconosce gli interessi maturati per i primi tre anni.

Il voucher ha validità 6 anni e consente di effettuare investimenti a medio termine con rendimenti garantiti.

Puoi anche firmare online senza dover andare di persona all’ufficio postale.

Per poter abbonarsi, però, è necessario disporre di uno Smart Passbook con i servizi online del dispositivo abilitati, oppure di un conto BancoPosta con i servizi online abilitati contemporaneamente.

Buono Risparmio Sostenibile

Questo coupon è per coloro che sono interessati ad ottenere un rendimento fisso con possibilità di ottenere un premio a scadenza, ed è solo per coloro che vogliono investire fino a 7 anni.

Lo strumento offre la possibilità di guadagnare bonus legati all’andamento degli indici azionari nel mondo ESG (Environmental, Social and Governance), ovvero di valutare la categoria dell’azienda e quindi di stabilire un giudizio complessivo sulla sostenibilità del suo impatto sul ambiente e società nonché Impatto sulle scelte organizzative.

È emesso al valore nominale in forma dematerializzata, ovvero al 100% del valore nominale della sottoscrizione.

Puoi abbonarti per importi di 50 EUR e multipli.

Buoni dedicati ai minori

Per i più piccoli troveremo dei voucher dedicati ai minorenni che potranno trovare una riserva al raggiungimento dell’età adulta o al termine degli studi.

I buoni crescono con il bambino, gli interessi maturano fino all’età di 18 anni e un rendimento fisso garantito.

L’imposta di bollo è da pagare?

Come tutti i prodotti di investimento, anche i BFP sono soggetti all’imposta di bollo se l’importo totale detenuto supera i 5.000 euro.

Tale importo è pari a due millesimi (0,2%) dell’importo posseduto.

Il miglior buono fruttifero postale? 

Se il tuo profilo di rischio è basso, le tue conoscenze non sono approfondite e vuoi sentirti a tuo agio piuttosto che mantenere la liquidità in un conto postale o bancario o “sotto la tessera”, può essere più conveniente valutare una delle seguenti forme di investimento: A questo punto, suggerisco anche la mia considerazione dei titoli di Stato.

Non c’è investimento che funzioni per tutti e i buoni postali soddisfano le esigenze dei risparmiatori che chiedono meno interessi e sono più cauti nel proteggere i propri fondi dalla follia del mercato.

Poste Italiane gode della fiducia quasi incondizionata dei risparmiatori per ragioni che esprimo abbastanza bene nel video.

L’impressionante attività negli ultimi anni ha anche rafforzato il riconoscimento del marchio, sebbene in gran parte non sia riuscito a fare passi da gigante nei rendimenti favorevoli agli investitori.

Sono finiti i tempi in cui le poste pagavano il 10%: come tutti gli strumenti praticamente sicuri, le tariffe sono a livelli bassissimi. Nel momento in cui scriviamo, per ottenere un rendimento superiore al 2%, devi avere i tuoi soldi vincolati da almeno 20 anni.

Dato il modo in cui funzionano gli altri mercati, non esiste un motivo particolarmente conveniente per acquistare BFP, supponendo che tu non voglia dimenticare i tuoi soldi tra qualche decennio.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

FTX-Crypto
Non lasciate che il fiasco di FTX Crypto vi spaventi e vi allontani dal Bitcoin
2022-11-14
chi può richiedere un prestito personale?
Chi può richiedere un prestito personale?
2022-11-11
BPM Banking: accesso e caratteristiche della piattaforma BPM
2022-11-10
Trovare lavoro con i concorsi pubblici è possibile: ecco come fare
2022-10-19
Come funzionano gli straordinari e come vengono pagati
2022-10-14
Con l’Offerta Zero Spese si evitano brutte sorprese
2022-09-16
L’alternativa fra la carta di credito e un prestito personale
2022-07-25
contratti di lavoro
Tipologie di contratti di lavoro: la guida completa
2022-06-04
Visual Marketing: cos’è e perché è così importante
2020-05-02
Vendere l’oro di casa: che cosa è necessario sapere
2022-03-28
Surroga-del-mutuo
Surroga del mutuo: quante volte si può fare richiesta
2022-02-18
Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30