Assicurazione caso vita: come funziona? Costi, requisiti e durata

Assicurazione caso vita

L’assicurazione caso vita è una particolare tipologia di polizza che garantisce all’assicurato il pagamento di una rendita costante o un capitale assicurato, a seguito del compimento di una determinata età. Si può prevedere, in pratica, nel contratto assicurativo il versamento di una somma costante dopo una determinata scadenza.

In pratica l’assicurato punta sul fatto di superare l’età, ad esempio, l’età di sessanta anni. Compiuto il sessantesimo compleanno, la compagnia  corrisponde il premio alla scadenza prefissa e secondo le modalità previste dal contratto.

In molti scelgono l’assicurazione caso vita come una sorta di integrazione della pensione di anzianità o un valido strumento per garantirsi un tenore di vita sostenibile appena superata una determinata età.

Assicurazione caso vita: la definizione

Il termine assicurazione caso vita viene utilizzato in ottica prevenzione o sotto forma di un investimento da realizzare.

Indicata ufficialmente come un ”contratto assicurativo sulla vita attraverso cui l’assicuratore si impegna al pagamento di un determinata somma nel caso in cui il cliente sia ancora in vita alla scadenza della polizza”, l’assicurazione caso vita può prevedere sia una rendita che un capitale versato in un’unica tranche. Ma cosa accade in caso di morte dell’assicurato?

La premorienza comporta il pagamento, da parte della compagnia assicuratrice, di una somma stabilita nel contratto ai beneficiari indicati dall’utente o agli eredi legittimi. Nel frattempo è utile valutare le deduzioni a cui è possibile accedere annualmente sulla copertura (per maggiori informazioni leggi la guida Deducibilità assicurazione vita: come indicarla nel Modello 730”.

Assicurazione caso vita: le tipologie

Sono tre le tipologie di assicurazione caso vita che è possibile sottoscrivere, in base alle proprie esigenze e necessità. Il contratto con rendita immediata è la prima che analizzeremo. Si tratta di un prodotto che prevede il versamento del premio assicurativo in un’unica soluzione. A decorrere dal pagamento la compagnia assicurativa provvederà a versare una rendita temporanea fino ad una scadenza prefissata.

Il contratto con rendita differita, invece, prevede il versamento del premio a partire da data determinata nel contratto all’assicurato, se sarà ancora in vita. La somma verrà corrisposta attraverso una rendita è sarà rivalutata con gli interessi.

Quale assicurazione caso vita scegliere?

Come sempre accade in questi casi non è facile dare una risposta univoca e che valga per tutti. A dover essere valutate sono innanzitutto le aspettative e gli obbiettivi dell’assicurato. Qual è la somma che può essere messa in campo? Quali sono le condizioni finanziarie della propria famiglia? Qual è la propensione al rischio? Ogni quanto tempo si preferisce effettuare il versamento dell’importo della polizza?

Basta chiarire questi aspetti fondamentali per individuare meglio quale sia la formula assicurativa più adatta alle proprie esigenze.

Superata questa fase iniziale, l’analisi va spostata su altri tre aspetti fondamentali: la scadenza, la rendita garantita e la reversibilità. 

Un altro aspetto fondamentale è la durata del contratto assicurativo. Per quanto tempo si è disposti ad aspettare l’accesso alla rendita?

Anche in questo caso sono le esigenze personali a rendere una tipologia di assicurazione caso vita più adatta rispetto alle altre; anche se è sempre possibile cambiare le condizioni del contratto ben prima della scadenza. 

In ogni caso la morte dell’assicurato prevede il versamento dei premi fino a qual momento erogati ai beneficiari. Ogni polizza “caso vita”, infatti, prevede la reversibilità della rendita.

Ed infine, se proprio non si riesce ad aspettare la scadenza del contratto per ricevere la somma, è possibile richiederla in anticipo, secondo i criteri di calcolo applicati dalla compagnia. In questo caso gli interessi potrebbero essere ”tagliati” a seconda degli anni trascorsi dalla stipula del contratto; un elemento di svantaggio da valutare con attenzione prima di procedere all’annullamento del contratto assicurativo.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply