Neopatentati cilindrata: quali sono i limiti e le sanzioni introdotti nella normativa?

Le limitazioni, per i neopatentati, sono davvero tante. Da alcuni anni, oltre al classico limite applicato per la cilindrata della vettura, sono state messe in campo novità anche riguardo la tollerabilità sulla guida in stato di ebbrezza, oltre alla massima velocità consentita su autostrade, strade extraurbane ed urbane. Insomma guidare un’auto, per i neopatentati, significa dover rispettare una normativa che, negli ultimi anni, è diventata davvero severa oltre a costi della polizza auto notevoli (leggi la guida su come risparmiare).

Per quanto riguarda la la cilindrata della vettura, essa viene calcolata in rapporto al peso dell’auto. Si tratta di una valutazione non molto semplice e che ha creato molti grattacapi ai neo automobilisti negli ultimi anni.

Cilindrata per neopatentati: qual è il limite?

Nonostante le norme siano state introdotte diversi anni fa, sono in tanti a non conoscere, con precisione, i limiti sulla cilindrata per i neopatentati. Per il primo anno, successivo al conseguimento della patente, non è possibile condurre un’automobile la cui potenza specifica sia maggiore a 55kW/t ovvero settantacinque cavalli e con una potenza massima superiore a 70 kW, 95 cavalli.

Si tratta di limitazioni che vengono imposte per i veicoli appartenenti alla categoria M1 ovvero destinati al trasporto di un numero non più di nove persone. Per capire se l’auto in dotazione rispetti la norma, è indispensabile controllare la carta di circolazione.

E’ utile anche controllare i dati del veicolo online, sul sito “Il Portale dell’Automobilista” sul quale, inserendo semplicemente il numero di targa. Per le vetture immatricolate in un periodo precedente al 2007, è indispensabile, però, fare il calcolo manualmente.

Limite di cilindrata per neopatentati, il calcolo

Come effettuare l’operazione? Per risalire alla potenza specifica dell’automobile è indispensabile dividere la potenza espressa in Kilowatt per la tara del veicolo, ovvero il peso senza automobilista, espresso in tonnellate.

Come detto in precedenza il rapporto non può superare in alcun caso i 55 kW a tonnellata mentre la potenza assoluta della vettura non deve mai essere superiore al valore assoluto, indipendentemente dal rapporto con il peso, di 70 kW ovvero 95 cavalli. Il periodo nel quale sono in vigore queste limitazioni è pari a sei mesi dal conseguimento della patente, indipendentemente dall’età.

Anche per il limite di cilindrata per i neopatentati esistono delle eccezioni. E’ il caso del trasporto di una persona diversamente abile, purché l’auto sia accompagnata dall’apposito contrassegno.

Gli altri limiti per i neopatentati

Non solo cilindrata: i limiti per i neopatentati, come spiegato più dettagliatamente in questa guida, riguardano altri aspetti fondamentali per l’automobilista e vanno dal tasso alcolemico alla velocità consentita sulle varie arterie stradali ed autostradali nel nostro paese.

Per un periodo pari a tre anni dal conseguimento della patente di guida, infatti, la velocità massima per i neopatentati è pari a 100 chilometri orari in autostrada. Sulle extraurbane, invece, il limite scende a 90 chilometri orari. 

Ancora più restrittive sono le norme indicate per la guida in stato di ebbrezza. E’ utile tenere presente che, in questo caso, non è previsto nessun margine di tolleranza. E’ zero il valore di alcol nel sangue a cui deve obbligatoriamente attestarsi al momento del controllo. In caso contrario si va incontro ad una pesante multa.

Le sanzioni

Un capitolo particolarmente doloroso, sopratutto per i neopatentati. Per quanto riguarda il limite sulla cilindrata della vettura la sanzione varia da un minimo di 160 euro ad un valore massimo di 641 euro oltre alla sospensione della patente da due ad otto mesi.

Per quanto riguarda i limiti di velocità, la multa va dai 39 ai 159 euro per il superamento di dieci chilometri orari, dal 159 a 639 euro per il superamento dei 40 km/h oltre alla perdita di tre punti sulla patente.

Tra i 500 e i 2.000 euro, oltre a sei punti in meno, per i 60 chilometri orari oltre il limite e dai 779 a 3.119 euro per oltre 60 chilometri orari.

 

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply