carte di credito compass

Compass è una società finanziaria che si occupa di piccoli prestiti veloci. su richiesta della vasta clientela, la società ha messo a disposizione anche carte revolving e prepagate. Come orientarsi?

Le carte di credito Compass sono ottime per gli acquisti di tutti i giorni, per piccoli finanziamenti o, semplicemente, per gestire al meglio le spese senza troppi costi accessori. Oggi, vediamo quali sono le proposte della società e quale carta di credito è la migliore per le proprie esigenze.

Quali sono

Le carte di credito Compass sono tre:

  1. La rateale.
  2. La revolving.
  3. La prepagata con IBAN.

Ognuna di queste tre carte ha le sue caratteristiche precise e modalità di richiesta. Compass le mette a disposizione direttamente in filiale, mentre sul sito ufficiale si può richiedere un appuntamento per ottenerle.

Oggi, vediamo quali sono queste caratteristiche per capire quale conviene davvero.

Conto carta ricaricabile + IBAN Compass

Partiamo dalla carta ricaricabile con IBAN. Si tratta di una carta conto, quindi di una carta prepagata (= simile alla Postepay Evolution, alla Paypal, ecc.) che permette di ricevere e inviare bonifici con un IBAN italiano.

La carta è nominativa e con IBAN italiano. Quindi, consente, oltre ai bonifici, di:

  • Domiciliare le utenze.
  • Pagare bollettini.
  • Fare ricariche.

Lo strumento è facilissimo da ricaricare. Si può:

  • Accreditare lo stipendio.
  • Ricaricare nei punti Sisalpay.
  • Fare un bollettino postale.
  • Fare un bonifico all’IBAN della carta.

La carta permette di ottenere anche un finanziamento di piccolo importo da Compass fino a 1500 Euro, con pagamento delle rate con addebito sulla carta. Questa aderisce al circuito VISA, quindi si può acquistare tranquillamente online e usarla all’estero.

Carta rateale Compass Easy

Tra le carte di credito Compass, questa permette di ottenere piccoli finanziamenti, anche micro, che permettano di pagare sul momento un acquisto, oppure di richiedere un finanziamento importante per l’acquisto di elettrodomestici o auto.

Qualunque sia la scelta fatta, ogni mese si pagherà una rata fissa mensile, sempre addebitata sulla carta, senza imposta di bollo. Anche questa aderisce al circuito VISA e c’è la possibilità di anticipare contante se serve.

Si possono prelevare al massimo 250 Euro, per un fido totale di 1500 Euro.

Carta Revolving Gold

Infine, c’è la classica carta revolving. Qui, il fido è di 3000 Euro e cambia il circuito: qui, Compass usa Mastercard. Contactless, permette sia di pagare in un’unica soluzione, sia a rate. Queste, però, non sono fisse per contratto, ma vengono calcolate di volta in volta in base alle spese e ai prelievi fatti.

Naturalmente, man mano che si pagano le rate, aumenta il fido disponibile. Si tratta di un ottimo strumento per affrontare gli imprevisti e le spese correnti. La differenza è che ci sono delle polizze assicurative gratuite collegate alla carta che permettono di proteggere quando non si riesce a pagare una rata.

Come richiedere le carte di credito Compass

Le carte di credito Compass si possono chiedere direttamente in filiale, presentando:

  • La fotocopia dei documenti di riconoscimento.
  • La copia delle dichiarazioni di reddito (busta paga/dichiarazione dei redditi) e di una bolletta intestata pagata regolarmente (basta l’ultima).

A quel punto, si potrà richiedere al consulente la carta migliore per il proprio caso e ottenerla direttamente a casa.

Conclusione

Le carte di credito Compass sono interessanti, ma bisogna fare molta attenzione ai tassi di interesse. Per chi ha bisogno di uno strumento veloce, che associ i finanziamenti a una prepagata, sicuramente è la scelta migliore.

La Revolving Gold ha ottime assicurazioni gratuite, ma si deve fare molta attenzione alle operazioni fatte, per evitare rate molto alte. Prima di richiedere un finanziamento, conviene sempre vedere quali sono i tassi di interesse applicati, visto che parliamo di una società finanziaria.

La società è molto seria e affidabile, ma questi strumenti non sono disponibili per chi è protestato.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply