Spese istruttoria mutuo: cosa c’è da sapere

Spese istruttoria mutuo

Le spese di istruttoria mutuo sono dei costi, a carico del cliente ovviamente, che la banca sostiene nella fase iniziale dell’operazione di mutuo, quando cioè deve valutare una serie di parametri.

Generalmente sono dei costi calcolati in percentuale sull’importo del mutuo che vengono addebitati al cliente e che servono per stabilire una serie di parametri e verificare la possibilità o meno di andare avanti con la pratica in essere.

I dettagli delle spese istruttoria mutuo

Come funziona un mutuo? Quando ci apprestiamo a chiedere un finanziamento che sia un prestito personale o un mutuo, la banca che prende in carico la nostra domanda deve verificare delle informazioni su di noi prima di procedere con l’eventuale benestare.

Raccoglierà i nostri dati personali, la nostra documentazione reddituale ed avvierà un’istruttoria per verificare le nostre credenziali e la possibilità di poter accettare la richiesta di mutuo.

In primo luogo si occuperà di verificare la nostra affidabilità creditizia chiamando in causa le banche dati pubbliche e private quali la CRIF per determinare il Credit Scoring del cliente e decidere se procedere o meno con la pratica.

Le banche dati sono delle strutture pubbliche e private che si occupano di gestire le informazioni creditizie di qualsiasi contribuente al fine di riuscire a profilare ogni singolo utente e crearne una storia creditizia messa a disposizione delle banche e delle finanziarie.

Quando parliamo di mutuo, però le spese di istruttoria non saranno soltanto quelle legate alla ricerca dell’affidabilità creditizia di un determinato soggetto, queste rappresentano solo la parte iniziale della proposta di mutuo.

Oltre a questi costi la banca ne sostiene degli altri che saranno sempre a carico del cliente ed andranno a concorrere a quelli che rappresentano i costi nascosti di un mutuo.

Noi siamo abituati a ragionare sui tassi e sull’importo rata, dimenticandoci spesso che ci sono una serie di costi aggiuntivi che se tenuti sotto controllo potrebbero determinare un risparmio particolarmente interessante in fase di contratto.

Tra queste spese dobbiamo annoverare anche le spese notarili, perché sarebbe impensabile fare una richiesta di mutuo o avviare una pratica del genere senza l’appoggio di una figura professionale quale un notaio.

Ed al notaio ci si rivolge in due momenti specifici, la prima volta per controllare l’immobile oggetto del mutuo, per verificare che non abbia problemi di tipo ipotecario o comunque impedimenti che possano ostacolarne la vendita.

In un secondo momento quando lo stesso viene interpellato per concludere il contratto con la firma del cliente e quindi procedere, spesso contestualmente, all’erogazione del mutuo.

Un’altra delle spese che spesso sembriamo dimenticare è quella legata alla perizia dell’immobile quando la banca interpella un tecnico abilitato al fine di effettuare una serie di controlli sull’immobile stesso.

Il perito è come dicevamo prima un tecnico abilitato, di fiducia della banca e dovrà controllare una serie di incartamenti per verificare la veridicità catastale dell’immobile e che non abbia problemi riconducibili ad eventuali condoni.

Lo stesso perito si occuperà anche di certificare una valutazione dell’immobile, valutazione sulla quale la banca costruirà in termini economici l’offerta di mutuo sostenibile.

Incidenza delle spese istruttoria mutuo

Dobbiamo dire prima di tutto che le spese di istruttoria sono assolutamente obbligatorie, non si possono risparmiare e fanno parte completamente della richiesta di mutuo.

Esistono alcuni istituti bancari che promuovono economicamente queste spese, scontandole o regalandole al cliente, facendosene quindi carico.

Ma dato che i servizi compresi in questi costi sono servizi obbligatori per determinare l’esito di una richiesta di mutuo non sarà possibile mai ed in nessun caso risparmiarli.

In termini economici l’incidenza delle spese di istruttoria sui costi di un mutuo varia da istituto ad istituto, non esiste una regola fissa, in alcuni casi può arrivare e superare anche il 2%, ma la media si aggira intorno all’1% del valore del mutuo, e vengono decurtate al momento dell’erogazione della somma richiesta.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16