Surroga mutuo CheBanca! Recensione completa

Surroga mutuo CheBanca! Recensione completa

Surroga mutuo di CheBanca! è un’offerta molto interessante che si distacca da quella che è la normalità delle offerte in materia di finanziamenti o surroga.

CheBanca! presentazione dell’azienda

Che Banca è la banca retail del gruppo Mediobanca specializzata in un modello multicanale con base su Internet, call center e filiali fisse nelle principali città italiane.

Nonostante sia nata solo nel 2008, quindi è una realtà giovane, offre dei servizi e dei prodotti particolarmente innovativi come il Conto Deposito che permette di riscuotere gli interessi sul capitale versato in anticipo e non alla scadenza del periodo, oppure come la possibilità di offrire tassi di interesse netti particolarmente vantaggiosi.

Anche nell’offerta dei mutui esistono particolari proposte molto interessanti, considerando che per questo tipo di operazioni Che Banca offre un supporto di assistenza dedicato; i mutui Che Banca prevedono una finalità di acquisto prima casa e di ricerca della liquidità e sono disponibili con tassi di interesse fisso e variabile ed anche con l’opzione surroga.

L’offerta mutuo surroga di CheBanca!

Il mutuo con finalità surroga offerto da CheBanca! ha caratteristiche abbastanza interessanti, in quanto prevede una serie di interventi per venire incontro al potenziale cliente, ma vediamoli nel dettaglio.

L’importo minimo finanziabile è di € 50.000,00 ed è possibile finanziare fino all’80% dell’immobile, dove per valore dell’immobile di intende il minore valore tra quello dello stesso in fase di compromesso o atto di vendita e quello risultante dalla perizia tecnica.

La durata prevista per questo mutuo surroga parte da un minimo di 10 anni ed arriva ad un massimo di 30 anni con una frequenza rata di tipo mensile.

Il calcolo del mutuo si basa sul tasso variabile con rata protetta: la rata viene determinata ogni 12 mesi in base all’andamento dei tassi e rimane uguale per i 12 mesi successivi.

Le variazioni del tasso incidono sulla durata del mutuo, infatti alla scadenza del periodo dei 12 mesi si procede in questo modo: se il tasso diminuisce l’importo della rata per i successivi 12 mesi non può essere inferiore a quella immediatamente precedente ed in questo caso la durata del mutuo si riduce.

Se al contrario il tasso aumenta l’importo della rata per i successivi 12 mesi aumenta, con un massimo stimato nel 100% del tasso di inflazione; in questo caso la durata del mutuo aumenta e l’eventuale capitale residuo non rimborsato alla scadenza rimane a carico di Che Banca perché non è prevista alcuna maxirata finale.

Il tasso variabile considerato per questo mutuo è l’Euribor a 3 mesi al quale deve essere aggiunto lo spread che sarà del 2, 63% per mutui con durata inferiore ai 25 anni e del 2,68% per mutui con durata superiore ai 25 anni.

Le condizioni contrattuali dei mutui CheBanca!

Ricordiamo che come previsto dal Decreto Bersani in materia di surroga ed estinzione anticipata, in questo caso non è previsto alcun costo aggiuntivo a carico del cliente nell’usufruire di questa opzione e che l’importo massimo finanziabile non potrà superare l’importo residuo del mutuo, non è prevista quindi ulteriore liquidità.

Anche l’assicurazione dell’immobile rimane a carico di CheBanca! e l’ipoteca prevista sull’immobile oggetto del finanziamento è del 150% del valore dello stesso.

L’erogazione della somma sarà contestuale all’atto notarile stipulato davanti al notaio ma in alcuni casi, quando la banca ritiene fallibile il soggetto, può capitare che slitti all’iscrizione dell’ipoteca, solitamente 11 giorni dopo la stipula del contratto di mutuo.

Surroga mutuo CheBanca! Considerazioni

Viste le condizioni contrattuali proposte da CheBanca! e le opzioni attive sull’offerta surroga mutuo ed anche la possibilità di usufruire di ulteriori benefit nel caso si fosse clienti della banca, riteniamo che questa sia un’offerta particolarmente elastica e vantaggiosa per chi vuole avere una relativa certezza della rata mensile sfruttando la particolarità del tasso variabile.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply