Prestito obbligazionario: come funziona, pro e contro

Prestito obbligazionario

Il Prestito Obbligazioniario è generalmente una tipologia di finanziamento tipica delle Società per Azioni avente durata medio-lunga attraverso il quale si offre sul mercato un frazionamento del debito in titoli di taglio piccolo.

Questo frazionamento consente all’obbligazionista (colui che intende acquistare le obbligazioni) la possibilità di versare un importo proporzionale al numero di obbligazioni acquistate.

A cosa serve il prestito obbligazionario?

Le obbligazioni sono titoli di credito al portatore il quale ha diritto, in base alla forma contrattuale stipulata, di vedersi rimborsato alla scadenza l’importo investito, indipendentemente dal pagamento periodico degli interessi.

Con questa forma di finanziamento le imprese fanno fronte al fattore liquidità imminente tramite l’emissione di titoli che possono essere acquistati direttamente dal singolo soggetto.

Di fatto i prestiti obbligazionari sono una particolare forma di finanziamento a medio e lungo termine dedicati alle società per azioni oppure alle società in accomandita per azioni, le quali società non possono emettere obbligazioni per importi superiori al capitale versato come da ultimo bilancio presentato, in sintesi il capitale massimo erogabile con questa forma di finanziamento è stabilito in proporzione alle somme versate dai soci come capitale di rischio.

Per raccogliere una liquidità ancora maggiore, però, è possibile emettere obbligazioni che superano questo limite imposto per legge ma solo per determinate casistiche: garanzia delle obbligazioni tramite l’ipoteca degli immobili sociali fino a 2/3 del loro valore immobiliare, maggiorazione garantita da titoli di stato nominativi e garantiti con scadenza non antecedente a quella delle obbligazioni emesse ed anche tramite l’ottenimento di un’autorizzazione governativa speciale che consente di superare il limite imposto dal bilancio.

Dobbiamo però tener presente le differenze tra il prestito obbligazionario ed un mutuo e comprendere bene per quale ragione una società si affida a quest’ultimo invece che al primo.

La differenza sostanziale è che il prestito  obbligazionario prevede una ripartizione del debito del sottoscrittore propone tramite l’emissione di obbligazioni al mercato e che può decidere di ritirare in qualsiasi momento rimborsando il prestito alle condizioni espresse nel contratto.

C’è da aggiungere che il mutuo è un rimborso graduale a scadenza mensile normalmente mentre il prestito obbligazionario prevede un rimborso, sempre  a scadenza, ma in un’unica soluzione.

Non deve attraversare alcuna trafila bancaria per far si che venga approvata una linea di credito particolare, non è necessario ad alcuna approvazione specifica, è di fatto un prestito che nasce dall’interno della società e che coinvolge il mercato garantendo un rendimento proporzionale con la propria attività lavorativa e quindi attraverso una serie di parametri che rendono quella determinata azienda appetibile o meno nei confronti del mercato.

Prestito obbligazionario: come funziona

Tecnicamente deve essere l’assemblea straordinaria dei soci ad approvare l’emissione di un prestito obbligazionario ed una volta deliberata l’erogazione dovrà essere presentata questa stessa delibera presso la Cancelleria del Tribunale entro 30 giorni affinchè possa avviarsi il procedimento di omologazione ed iscrizione.

Quando vengono emesse delle obbligazioni, quindi una volta superato l’intero iter di preparazione ed approvazione, devono essere pubblicati un regolamento ed un programma che fissino le regole per tutto ciò che concerne le obbligazioni stesse.

In questo programma del prestito obbligazionario sono previste: l’importo del capitale sottoscritto e versato dai soci, l’importo complessivo del prestito ed il tasso di remunerazione del prestito.

Nel regolamento invece vengono indicate le condizioni tecniche quali: le caratteristiche specifiche dei titoli, la modalità di emissione del prestito ed il prezzo delle obbligazioni, il valore nominale di ognuna di esse e la modalità di rimborso del finanziamento.

Dobbiamo aggiungere che il prestito di tipo obbligazionario è un rapporto che viene a crearsi tra società per azioni e sottoscrittore, ma questo rapporto non è detto che duri fino alla scadenza del prestito (e quindi al rimborso) in quanto il sottoscrittore ha facoltà di vendere le proprie obbligazioni in qualsiasi momento.

In ogni caso nel momento in cui un cliente sottoscrive le obbligazioni diventa obbligazionista e questo “titolo” determina la sua figura di creditore nei confronti della società, nonostante non abbia alcun diritto nella gestione quotidiana della stessa.

In quanto obbligazionisti, però, tutti i sottoscrittori di titoli (che siano nominativi o al portatore non importa)  hanno dei diritti riconosciuti e possono riunirsi un un’apposita assemblea attraverso deliberare su determinati argomenti quali la nomina o revoca del comune rappresentante, eventuali modifiche sulle condizioni del prestito o proposte di amministrazione controllata e concordato, la costruzione di un fondo comune per le spese necessarie a tutelare i propri interessi (regolarmente rendicontato) ed altri argomenti di interesse comune con tutti gli obbligazionisti.

Prestito obbligazionario: tasso di rendimento ed interessi

Il tasso di rendimento di un prestito obbligazionario è calcolato su una serie di fattori che sono differenti da quelli di un prestito normale perché vengono presi in considerazione il valore del tasso nominale del prestito, il prezzo di emissione e quello di rimborso, e per questa ragione il guadagno (la differenza) scaturita dal prezzo iniziale e quello che rimborserà la società titolare delle obbligazioni al titolare delle stesse verrà assoggettata ad una ritenuta fiscale, nella misura prevista per i guadagni da premi ed interessi.

Ricordiamo che, per quanto concerne il calcolo degli interessi, la società che emette le obbligazioni può farlo anche direttamente sul mercato appoggiandosi su istituti bancari per la raccolta e la vendita e la data di versamento delle obbligazioni è la stessa dalla quale si inizia a godere degli interessi.

Per cui c’è una precisazione da fare che riguarda la data di acquisto delle stesse, in quanto se questa è antecedente alla data di emissione o coincide con essa il sottoscrittore dovrà versare solo l’importo di emissione e null’altro, mentre se la data di acquisto è successiva alla data di emissione, il sottoscrittore dovrà versare l’importo di emissione più una quota percentuale (rateo) calcolata dal momento in cui sono state emesse fino al momento in cui sono state acquistate.

Discorso a parte vale per il tasso di interesse che la società pagherà al sottoscrittore del prestito obbligazionario, infatti per determinare questo tasso vengono interpellate delle società di rating che attraverso il lodo giudizio ed un’analisi approfondita della struttura societaria comunicheranno il tasso di interesse consigliato da applicare.

Ovviamente è necessario far notare che migliore sarà la struttura aziendale e più solida la società minore sarà il rischio di default, per questa ragione il tasso di interesse da rimborsare alla scadenza potrà essere più basso.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16