Social lending: la nuova formula di prestito tra privati sbarca anche in Italia

Accedere oggi a forme di finanziamento è una soluzione sempre più diffusa, nel nostro paese. Dalle aziende ai privati, oggi i prestiti rappresentano la soluzione ideale sia per chi ha un’attività economica o semplicemente è un privato che intende affrontare determinate spese. Ma una nuova forma di prestito si sta affiancando al classico finanziamento concesso dalle banche: il social lending.

Ebbene sì oggi per usufruire di un prestito non è necessario per forza rivolgersi ad un classico istituto di credito. Con il social lendig è possibile ricevere una somma di denaro, anche cospicua, da un privato (leggi le caratteristiche del prestito tra privati). Sono davvero tante le piattaforme che, come Smartika, offrono questo tipo di servizio mettendo in contatto la domanda e l’offerta. Ma quali sono i vantaggi di questa formula di finanziamento?

Social Lending, pro e contro

Chiamato anche prestito “peer to peer”, ovvero prestito tra persone, il social lending consente di ricevere una determinata liquidità a tassi relativamente bassi rispetto ai prodotti che mediamente vengono offerti dal tradizionale sistema bancario. Si tratta di una delle caratteristiche principali del social lending e costituisce anche uno dei fattori di maggior vantaggio di questa formula di prestito. La mancanza di costi di intermediazione, infatti, è in grado di garantire costi largamente inferiori al mercato.

Creditore e contraente del prestito si mettono in contatto in maniera diretta grazie alla piattaforma sul web. Insomma un funzionamento estremamente semplice e con una procedura che si svolge in poche ore. E’ indispensabile tenere presente che se il cliente è in grado di ottenere un prestito a tassi di interesse molto bassi, chi concede il prestito accede ad un livello di remunerazione sicuramente interessante.

Insomma entrambe le parti in causa possono accedere a vantaggi notevoli rispetto alla classica forma di prestito con l’istituto di credito. Ma è la libertà di azione a rappresentare uno degli aspetti più importanti del social lendig. In pratica, con questo sistema, è possibile richiedere qualsiasi somma, senza alcuna giustificazione. Chi ha bisogno di denaro non ha alcun obbligo di definire l’investimento o l’acquisto che si appresta a realizzare mentre il finanziatore può investire il proprio denaro come meglio crede.

Ecco come funziona il social lending

Il servizio di social lending, di solito, è offerto da un piattaforma internet gestita da apposite società online che operano in favore dell’incontro tra la domanda e l’offerta. Una delle più importanti, in Italia, è Prestiamoci. Si tratta di siti che mettono in campo specifici strumenti per consentire che il tutto si svolga con un sufficiente livello di protezione. L’insolvenza e la mancata restituzione della somma ricevuta rappresentano i rischi che i gestori del sistema devono ridurre al minimo. 

Proprio come accade alle banche, anche le società che gestiscono il sistema di social lending applicano un “rating” per gli iscritti. Si tratta, in pratica, di una valutazione di affidabilità creditizia. Chi ha un rating basso dovrà sostenere dei tassi di interesse maggiore sui prestiti rispetto agli altri. Ma cosa accade in caso di mancata restituzione della somma oggetto del prestito?

A questo punto la società che gestisce il sistema di social lending deve mettere in campo una serie di sistemi di recupero credito. 

In conclusione possiamo ritenere questo sistema di prestito come estremamente efficace e sufficientemente sicura. Il successo che il social lending sta riscontrando nel nostro paese, negli ultimi anni, è la prova più lampante della sua effettiva efficacia. Se in Italia il sistema risulta ancora una “novità” nel panorama creditizio, in Francia, ad esempio, non si contano le aziende che hanno ottenuto significative dosi di liquidità grazie ai privati. E’ il caso del Gruppo SLB che, grazie al social lending, ha ottenuto il denaro sufficiente per produrre un nuovo carbone vegetale.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16