Codice IBAN: come si compone l’International Bank Account Number

Il codice IBAN, International Bank Account Number è una serie alfanumerica che si compone di un numero ben preciso di cifre e lettere ognuna indicante un determinato elemento. I primi due caratteri, che introducono il codice, indicano lo Stato mentre i due numeri successivi sono le “cifre di controllo”.

Un cambiamento radicale ha caratterizzato l’utilizzo del codice IBAN che, dal primo gennaio del 2008, identifica anche i pagamenti realizzati nel nostro paese. In precedenza l’indicazione era utilizzata per i pagamenti “transfrontalieri”. Negli ultimi anni, infatti, il codice IBAN è stato utilizzato sostituendo le vecchie coordinate bancarie come i codici ABI, CAB e quello di conto corrente.

La trasformazione è legata alla realizzazione dell’area unica di pagamenti in euro, la SEPA. Si tratta dei paesi del vecchio continenti che rientrano nell’Unione Europea a cui si aggiungono i paesi associati, cioè dell’EFTA ed il Principato di Monaco.

IBAN, finalità ed utilizzo

Rendere più semplice le transazioni tra le attività economiche di piccole e medie dimensioni e tra le persone fisiche. La finalità dell’IBAN è quella di annullare le varie differenze che, anche tra paesi europei, esistevano riguardo i codici di controllo.

Si tratta di un codice di sicurezza che, però, non viene utilizzato in tutti i paesi del mondo perciò l’uso del codice SWIFT può essere ancora indicato in determinate aree.

Nel nostro paese, invece, è ormai obbligatorio, sia per i bonifici realizzati in Italia che per i pagamenti indirizzati verso altri paesi, sempre appartenenti all’area SEPA. Realizzare un bonifico senza l’indicazione del codice IBAN prevede, ora, una serie di costi maggiori, ma non è tutto.

Sono tante le banche che non accettano transazioni realizzate senza l’indicazione di questa fondamentale serie alfanumerica. Nel solo caso in cui sia il beneficiario che l’autore del bonifico siano clienti dell’istituto di credito l’istituto potrebbe consentire l’operazione, ma non sempre.

Come detto in precedenza l’IBAN si inserisce in una serie precisa di codici realizzati allo scopo di rendere più sicure ed identificabili le transazioni realizzate tra utenti di diverse banche nell’area europea di libero scambio.

Oggi il codice IBAN ha sostituito una serie di codici che venivano utilizzati in Europa del tutto incompatibili tra loro. E’ importante tenere presente che questi determinati codici non sono, però, andati nel cassetto. L’utilizzo delle sequenze numeriche può risultare ancora necessario, in alcuni precisi casi. Sono tanti gli elementi, relativi ad una transazione, a cui si può risalire attraverso i vecchi codici.

Gli altri codici

Il numero di conto corrente è, ad esempio, ancora utilizzato e molto importante. Si tratta di una sequenza alfanumerica che include dodici caratteri. Il codice, in pratica, identifica il conto corrente in una determinata filiale di banca. La digitazione della serie di numeri può essere realizzata anche omettendo eventuali barre o trattini quando riportati. Nel caso in cui questo codice abbia una lunghezza inferiore ai 112 caratteri, deve essere preceduto da un numero di zeri pari a ai caratteri mancanti.

Come abbiamo detto il codice IBAN è andato a sostituire, tra gli altri, il codice ABI. Si tratta una serie di cinque cifre che identifica l’istituto bancario. Un insieme di numeri la cui assegnazione avviene dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI). Anche il Codice di Avviamento Bancario, il CAB, è di fondamentale importanza. Si tratta, in questo caso, di una sequenza numerica di cinque cifre che indica la filiale della banca. Entrambi i codici (ABI e CAB) vengono utilizzati per l’identificazione dell’istituto di credito dove è presente il conto corrente.

A queste determinate serie numeriche si aggiunge il Codice CIN. Il Control Internal Number si compone di una sola lettera. Si tratta di un carattere il cui utilizzo è finalizzato al controllo della correttezza dei codici ABI, CAB, il numero di conto corrente e si produce attraverso una serie di calcoli. La mancata corrispondenza del CIN indica un errore di indicazione dei codici. La digitazione del CIN può essere omessa per l’utilità, strettamente di controllo, a cui è finalizzata.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16