Numero CRO: funzionamento ed individuazione del Codice di Riferimento Operazione

Numeri e codici di identificazione sono sempre più importanti per la protezione dei dati dei clienti delle banche e per una corretta gestione delle transazioni che avvengono in rete. Le operazioni bancaria, in particolare, vengono identificate da un numero di undici cifre. Si tratta del numero CRO, una precisa serie numerica che viene associata ad ogni singolo cliente della banca e, come detto, alle varie operazioni bancarie, per meglio identificarle.

Con un margine di errore pari a zero, il numero CRO consente di ricercare anche un bonifico realizzato in passato. Sono le ultime due cifre ad essere in grado di identificare l’esistenza di un’operazione.  La funzione essenziale del codice ne prevede l’utilizzo in ogni tipo di transazione: non possono essere effettuate operazioni bancarie senza l’indicazione del codice CRO.

Quando si utilizza il Codice CRO

Come detto è l’identificazione delle varie operazioni ad essere la finalità del Codice Riferimento Operazione. I bonifici, ad esempio, soprattutto se “interbancari“, vengono accompagnati da questa determinata serie numerica. Può accadere, infatti, che il beneficiario e l’altro soggetto abbiano dei conti correnti in due differenti istituti di credito.

Si tratta di un’eventualità tutt’altro che rara e che prevede l’utilizzo di una serie di undici numeri: il bonifico CRO. Il rilascio avviene dalla banca che ordina il bonifico a quella del beneficiario. Attraverso questo codice il soggetto che riceve il bonifico può controllare se sia stato realmente effettuato.

Codice CRO e Cri: le differenze

Una serie numerica importante quella nel CRO, ma il cui utilizzo può essere effettuato solo in determinate occasioni. E’ il bonifico interbancario, come accennato, ad essere accompagnato da questa sigla di undici numeri. Cambiano le cose per le operazioni realizzate nello stesso istituto di credito. In questo caso ad essere affiancato alla transazione è il Codice CRI.

Si tratta di un altro codice utilizzato con una certa frequenza. Il Codice di Riferimento Interno consente, allo stesso modo, di verificare la buona riuscita dell’operazione. In entrambi i casi la presenza dei codici è indispensabile per accedere alle informazioni fondamentali per individuare la corretta realizzazione della transazione. In caso di mancato possesso, il cliente può richiedere alla banca l’individuazione di un codice.

Come si ottiene un codice?

Nessun tipo di obbligo ricade sul cliente. E’ la banca stessa, infatti, ad individuare una serie numerica per una determinata transazione. Bastano due giorni dall’ordinazione del bonifico al cliente per visionare il codice CRO. Naturalmente i tempi di attesa possono variare a seconda di diversi fattori tra cui i tempi previsti dal circuito finanziario che gestisce le transazioni.

Ma un altro metodo può essere messo in campo per l’individuazione del proprio codice CRO: la lettura delle ricevute. Ogni pagamento, realizzato attraverso un bonifico bancario, è accompagnato dalla sequenza numerica identificativa, anche sulla ricevuta stessa. In caso di mancato possesso di tale documentazione, basta rivolgersi allo sportello della banca: l’operatore, attraverso l’identificazione del cliente, può risalire facilmente al CRO: insomma le soluzioni per conoscere il proprio codice sono davvero tante.

Rintracciare il codice CRO attraverso il TNR

Ma è l’individuazione della serie numerica nel TNR (Transaction Reference Number) a rappresentare una delle soluzioni più comuni. Nei bonifici SEPA, ad esempio, è riportata una serie di numeri che, anche in questo caso, identificano l’operazione e chi la realizza. Basta controllare le cifre dalla sesta alla sedicesima posizione per ottenere il codice CRO.

Si tratta del metodo più comune per individuare il proprio codice, ma anche il meno sicuro. In alcuni casi, infatti, può accadere che la serie di numeri venga interrotta da alcune lettere. Essendo il Codice Riferimento Operazione composto integralmente da numeri, è facile comprendere come, in questo caso, si tratti di un altro tipo di codice differente dal Codice Riferimento Operazione.

Un altro metodo, per essere certi dell’individuazione corretta del numero, è il controllo delle quantità di cifre riportate: mai superiore o inferiore ad undici. Nel caso del TRN, invece, i numeri trascritti devono essere necessariamente trenta.

 

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16