Come funziona il mutuo dipendenti pubblici?

mutuo dipendenti pubblici

Il mutuo dipendenti pubblici è un particolare tipo di agevolazione di cui possono godere gli impiegati statali rispetto alle offerte generiche del settore creditizio e/o bancario. A suo tempo una simile agevolazione era gestita dall’INPDAP, ente il cui compito era quello di gestire le prestazioni creditizie e sociali nei riguardi dei dipendenti statali e dei pensionati iscritti al fondo della Pubblica Amministrazione.

Dal 2012 questo ente è stato inglobato all’interno dell’INPS e si è tramutato in un nuovo organo, chiamato Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali. Un simile cambiamento, è giusto precisarlo, non ha cambiato in maniera significativa il modo di gestire i mutui e le agevolazioni forniti dall’ex INPDAP. Ovviamente c’è da dire che in linea di massima, non tutti possono accedere a questa specie di mutui, e non tutte le situazione vengono bollate come idonee per l’utilizzo del tasso agevolato.

Regolamento Mutui Dipendenti Pubblici

Pur essendoci stato questo accorpamento tra INPS e INPDAP, i soggetti abilitati a godere del mutuo dipendenti pubblici non hanno subito cambiamenti considerevoli.

La norma applicata ad oggi, fa sempre fede al regolamento datato 1 Ottobre 2011, data antecedente all’abolizione dell’INPDAP. In questo regolamento vengono indicate delle specifiche caratteristiche, dei requisiti e dei criteri da osservare ai fini dell’erogazione di prestiti e mutui a tasso agevolato per impiegati statali e per pensionati che siano iscritti al fondo di categoria dell’ente previdenziale da almeno tre anni.

Per poter fare dunque richiesta al fine di ottenere il mutuo dipendenti pubblici, con un considerevole tasso agevolato, il lavoratore statale interessato deve essere in possesso di determinati requisiti, quali:

  • Iscrizione al Fondo Credito dell’INPS da un periodo di almeno tre anni;
  • Non essere in possesso di un bene immobile situato all’interno del territorio nazionale;
  • Il precedente divieto fa riferimento esplicito anche per gli altri familiari tranne per i genitori del richiedente se lo stesso soggetto ha intenzione di usare l’immobile da comprare per dar vita ad un nuovo nucleo familiare;
  • Coniuge separato ma che non sia intestatario di persone e per intero del bene a priori di proprietà del dipendente pubblico richiedente.

I massimali del finanziamento anche sono importanti allo scopo di beneficiare del tasso agevolato per il mutuo dei lavoratori statali. In tal verso, gli impiegati INPDAP hanno diritto al godimento di tale agevolazione, ben lungi diversa dalle offerte di mercato valide per tutte. Certo è che coloro i quali vogliono presentare richiesta di utilizzo, devono essere ben coscienti che, come per ogni cosa, esistono dei limiti nella richiesta di questa peculiare. forma di finanziamento. Tali limiti tendono ad essere variegati, sulla base di caratteristiche diverse:

  • L’importo massimo richiedibile può avere un valore massimo di 300.000 euro;
  • Le spese accessorie legate al suddetto importo non possono superare i 5.000 euro;
  • Copertura del mutuo fino al 100% del valore dell’immobile che si intende acquistare e stabilito anche da periti nominati dall’INPS;
  • Limite di importo delle rate che non devono superare la metà dell’imponibile dichiarato nel Cud dell’anno di riferimento.

Mutuo dipendenti pubblici: cos’è il Fondo credito INPS

In vero, poi, in virtù di una richiesta agevolata di mutuo, esiste il Fondo Credito Inpdap, oggi chiamato Fondo Credito dell’INPS, ossia una sorta di deposito in cui si versano i contributi mensili dei dipendenti pubblici nella misura dello 0,35%, e quelli dei pensionati nella misura dello 0,15%.

C’è poi da dire anche che i contributi legati alla richiesta di nuovi prestiti diretti da parte dell’INPS vengono usati altresì per accrescere il Fondo Credito.

Piccoli prestiti, prestiti pluriennali e mutui a tasso fisso o variabile si aprono in caso di disponibilità del Fondo Credito: solo in tal caso vengono soddisfatte le richieste degli impiegati. Il mutuo Inpdap a tasso agevolato non è utilizzabile comunque solo per l’acquisto di un immobile del richiedente ma anche per l’acquisto di una casa per i genitori dello stesso o i figli.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

FTX-Crypto
Non lasciate che il fiasco di FTX Crypto vi spaventi e vi allontani dal Bitcoin
2022-11-14
chi può richiedere un prestito personale?
Chi può richiedere un prestito personale?
2022-11-11
Poste italiane buoni fruttiferi 2022: le caratteristiche del ‘risparmio assicurato’ di Poste
2022-11-09
BPM Banking: accesso e caratteristiche della piattaforma BPM
2022-11-10
Trovare lavoro con i concorsi pubblici è possibile: ecco come fare
2022-10-19
Come funzionano gli straordinari e come vengono pagati
2022-10-14
Con l’Offerta Zero Spese si evitano brutte sorprese
2022-09-16
L’alternativa fra la carta di credito e un prestito personale
2022-07-25
contratti di lavoro
Tipologie di contratti di lavoro: la guida completa
2022-06-04
Visual Marketing: cos’è e perché è così importante
2020-05-02
Vendere l’oro di casa: che cosa è necessario sapere
2022-03-28
Surroga-del-mutuo
Surroga del mutuo: quante volte si può fare richiesta
2022-02-18
Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31