Rating Banche

Cos’è il rating e come funziona la valutazione degli istituti di credito

Sentiamo sempre più spesso parlare spesso del ”rating ”,  un termine spesso accostato alle banche, alle aziende ed addirittura ai sistemi economici degli stati. Ma cosa si intende con rating? A cosa serve nella valutazione di un determinato prodotto bancario o per l’istituto di credito che lo emette?

Stabilire il rating delle banche è molto più difficile di quanto si possa immaginare. Sono davvero tanti gli aspetti che devono essere valutati; un’attività che può che essere effettuata dagli istituti specializzati come le cosiddette agenzie di rating. Si tratta di società specializzate nell’analisi delle varie informazioni che denotano lo stato di salute di un’attività economica e valutando, di conseguenza, il tasso di rischio delle banche.

Rating delle banche: funzioni ed utilizzo

Il fallimento delle banche è un’eventualità che in Italia abbiamo toccato da vicino tante volte. Le situazioni di difficoltà possono essere, però, ravvisate con significativo anticipo grazie all’azione delle agenzie di rating. Insomma si tratta di compagnie in grado di analizzare approfonditamente il ”rischio di credito” attraverso un indicatore in lettere, in base al quale viene corrisposto una sorta di premio del  rischio. Naturalmente il monitoraggio del rischio di credito è continuo con una valutazione periodica che avviene ogni dodici mesi. Ma quali sono gli elementi che determinano il rating delle banche?

I parametri presi in considerazione risultano fissi per tutte le agenzie e sono: il patrimonio, il programma aziendale, il management, le condizioni per la liquidità, le analisi prodotte dalla Centrale dei Rischi, lo stato della liquidità e l’andamento del settore in cui la banca opera.

I fattori da analizzare

Ma come detto esprimere il rating delle banche non è così semplice. E’ l’affidabilità finanziaria, in pratica, ad essere esaminata dalle agenzie. A fronte di una significativa esposizione debitoria, l’agenzia di rating si pone un semplice quesito: la banca è in grado di ripagare il tutto?

Insomma non è il semplice ammontare dei debiti ad essere sotto i riflettori, ma la capacità dell’azienda di ripagarlo. Può capitare, ad esempio, che un’entità economica con un patrimonio di 100.000 euro abbia un indebitamento complessivo pari a 10.000 euro. Anche se la somma potrebbe sembrare tutto sommato modesta, le difficoltà o l’impossibilità di pagare i debiti determinano un rating basso.

D’altro canto può anche accadere che una società con un debito molto più alto dimostri di essere nelle possibilità di ripagare il tutto. Naturalmente in questo caso, nonostante la mole delle pendenze, il rating sarà alto con un tasso di affidabilità più che soddisfacente.

L’assenza di rating

Cosa accade se una banca non riporta il proprio rating? Può accadere che un istituto di credito non dimostri la valutazione delle agenzie. Cosa significa tutto questo? Potrebbe essere del tutto normale che un istituto di credito, soprattutto se di piccole dimensioni, non sia oggetto della valutazione delle agenzie. Insomma nulla di cui preoccuparsi, anche se il consumatore si trova di fatto, sprovvisto di un importante parametro per la valutazione di affidabilità.

Situazione diversa nel caso in cui la banca non abbia interesse a farsi ”giudicare” da un’agenzia di rating delle banche. Perché questa mancanza di interesse? Sono due le possibili motivazioni che possono spingere un istituto di credito a non avere o a non pubblicare la valutazione: il possesso di una liquidità sufficiente, ovvero una condizione per la quale l’istituto di credito non ha particolari necessità di accedere al mercato del credito o, viceversa, le condizioni della banca non siano ottimali. In questo caso all’istituto di credito potrebbe semplicemente non convenire mostrare il giudizio dell’agenzia di rating.

Per quanto riguarda i rischi dei conti deposito, conti correnti e le carte ricaricabili, essi sono direttamente correlati al rating delle banche che le emettono. Anche se la maggior parte dei prodotti sul mercato usufruisce della copertura del Fondo Interbancario di Tutela che garantisce i depositi fino ad un massimo di 100mila euro.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

FTX-Crypto
Non lasciate che il fiasco di FTX Crypto vi spaventi e vi allontani dal Bitcoin
2022-11-14
chi può richiedere un prestito personale?
Chi può richiedere un prestito personale?
2022-11-11
Poste italiane buoni fruttiferi 2022: le caratteristiche del ‘risparmio assicurato’ di Poste
2022-11-09
BPM Banking: accesso e caratteristiche della piattaforma BPM
2022-11-10
Trovare lavoro con i concorsi pubblici è possibile: ecco come fare
2022-10-19
Come funzionano gli straordinari e come vengono pagati
2022-10-14
Con l’Offerta Zero Spese si evitano brutte sorprese
2022-09-16
L’alternativa fra la carta di credito e un prestito personale
2022-07-25
contratti di lavoro
Tipologie di contratti di lavoro: la guida completa
2022-06-04
Visual Marketing: cos’è e perché è così importante
2020-05-02
Vendere l’oro di casa: che cosa è necessario sapere
2022-03-28
Surroga-del-mutuo
Surroga del mutuo: quante volte si può fare richiesta
2022-02-18
Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31