Tempi di erogazione mutuo: approfondimento

I tempi di erogazione mutuo sono una variabile da tenere ben presente nel momento in cui si decide di procedere all’acquisto di un immobile e quindi si firma una proposta d’acquisto.

Fin troppo spesso i tempi di erogazione possono creare problemi con la finalizzazione dell’acquisto fino addirittura a renderlo nullo perdendo anche l’eventuale caparra versata anticipatamente, questo può accadere perché prima dell’erogazione in senso stretto ci sono delle fasi, dei passi obbligati necessari all’istituto bancario affinchè possa procedere con la messa in disponibilità dell’importo richiesto.

Cosa succede prima che il mutuo venga erogato

Per prima cosa alla richiesta di mutuo da parte del cliente, devono verificarsi delle condizioni ottimali affinchè questa non diventi un problema serio.

La prima cosa che la banca chiederà è l’elenco della documentazione personale e reddituale del mutuatario in modo da poterne verificare la solvibilità e ratificare la preapprovazione.

E’ necessario che in questa fase tutta la documentazione e la posizione del cliente sia perfettamente in regola con le linee guida della banca in termini di reddito, di eventuali problematiche con altre finanziarie e/o difficoltà passate nel pagare rate di altri finanziamenti.

Eventuali problemi possono far slittare di parecchio la fase istruttoria costringendo la banca a fare delle verifiche più approfondite e di conseguenza anche l’erogazione potrebbe subire un forte ritardo, ma tenete ben presente che la prima fase, quella dell’approvazione reddituale, mediamente impiega 20 giorni per essere conclusa.

Se si riesce ad ottenere in tempi brevi, e quindi non esistono ostacoli alla preapprovazione, la prima delibera della banca allora si avvia una seconda fase che è quella istruttoria la quale tende a verificare eventuali problematiche legate all’oggetto della compravendita: l’immobile.

Laddove anche questo scoglio sia brillantemente superato allora si procederà con l’appuntamento del notaio e la stipula del contratto di mutuo vero e proprio con il quale si potrà finalmente venire in possesso della proprietà dell’immobile.

Erogazione mutuo: i soggetti esterni interessati

Bisogna tener presente che gli unici soggetti interessati in questa operazione non sono soltanto il cliente e la banca ma anche due categorie di professionisti con i quali bisogna interagire: il perito ed il notaio.

Entrambi hanno la responsabilità di controllare l’immobile, il primo per farne una valutazione sulla quale verrà poi deciso dalla banca il tipo di impegno economico da prendere, il secondo perché è la persona incaricata a verificare che l’immobile in oggetto non abbia problemi di alcuna natura.

I tempi di intervento di queste due figure professionali, vuoi per impegni pregressi vuoi per ritardi naturali per questo tipo di operazioni, possono ritardare l’intera pratica e di conseguenza l’erogazione del mutuo da parte della banca.

I tempi dell’erogazione

E’ bene tener presente la tempistica di queste operazioni e considerare un po’ di ritardo dovuto alla complessità di una richiesta di mutuo prima di prendere qualsiasi tipo di impegno con il venditore.

Dal momento in cui tutta la documentazione è a posto, immobile compreso, la banca si prende altri 30 giorni per erogare il mutuo, ciò significa che i tempi da considerare si aggirano intorno ai 60/70gg dal momento in cui presentiamo richiesta in banca.

Normalmente il contratto tra banca e cliente prevede che alla stipula dell’atto di compravendita davanti al notaio avvenga contestualmente l’erogazione e quindi il pagamento dell’immobile al venditore.

Tuttavia esistono delle condizioni nelle quali l’erogazione avviene in modo differito, perché la banca reputa diversi, come venditori, un privato da un’azienda (solitamente quella costruttrice in quanto fallibile) ragion per cui prima di procedere all’erogazione può chiedere di attendere il consolidamento dell’ipoteca.

Questo tempo è dato dal momento in cui il notaio iscrive l’ipoteca sull’immobile al momento in cui la stessa diventa effettiva, ed è di 11 giorni, e serve per garantire la banca che non ci siano richieste da soddisfare da parte di altri creditori sull’immobile in oggetto.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16