Calcolo Buoni Fruttiferi Postali

Come calcolare i buoni fruttiferi postali online

In un periodo in cui la sicurezza degli investimenti risulta sempre più una chimera, per le condizioni del mercato, rivolgersi ai Buoni Fruttiferi Postali può rappresentare una soluzione per i tanti investitori che sono alla ricerca di strumenti stabili. E’ importante tenere presente che, a fronte dei vantaggi della stabilità, ci sono anche elementi non proprio favorevoli, come ad esempio i margini di interesse applicati.

Una condizione che, come abbiano spiegato in un precedente articolo, caratterizza tutti gli investimenti accompagnati da un largo margine di sicurezza, oltre ad eventuali imposte sugli interessi (per maggiori informazioni leggi la guida ”CET1 ratio banche e Poste Italiane: ecco gli istituti più sicuri”). Gli investitori che scelgono i buoni fruttiferi, possono però contare su una tassazione che risulta molto più leggera rispetto, ad esempio, ai conti deposito. E’ del 12,5% il margine da corrispondere all’Erario contro gli oltre venticinque punti previsti per l’altra formula. Stesso discorso riguarda anche i conti correnti che vengono tassati per una quota pari ad un quinto degli interessi ottenuti. Ma, come tutte le forma di investimento, il rendimento risponde a diversi tipi di variabili.

Calcolo Buoni Fruttiferi Postali: come conoscere il rendimento

Avere una panoramica sui margini dei buoni fruttiferi può rappresentare senza dubbio un aiuto per chi è ancora indeciso sulla tipologia di strumento finanziario da scegliere o per gli investitori che interessati a conoscere il valore del guadagno che può essere ottenuto attraverso i buoni già acquistati negli anni scorsi.

E’ internet lo strumento che, ancora una volta, è in grado di venire incontro alle particolari esigenze dell’utenza. Basta recarsi sul sito di Poste Italiane per accedere all’area specificatamente dedicata al calcolo dei buoni fruttiferi postali.

La pagina si compone di poche voci da compilare. Naturalmente prima di recarsi sul portale è indispensabile conoscere appieno la categoria di buono sottoscritto. 

Ed è proprio l’aspetto della “tipologia di buoni” ad essere richiesto specificatamente nel primo spazio da riempire. Le voci seguenti, invece, riguardano le date di emissione. Il giorno di emissione dei buoni rappresenta, infatti, la seconda e la terza voce proposta nel sito; subito dopo viene richiesta la “data di Nascita” e l’importo del capitale sottoscritto. A questi aspetti, non secondari, va aggiunto un altro elemento: la ritenuta.

Si tratta di un valore che varia, anche in questo caso, a seconda del periodo di emissione. I buoni emessi fino al 20 di settembre del 1986, ad esempio, sono esenti dalla ritenuta sugli interessi. Cambiano le condizioni, naturalmente, per i titoli emessi dal 21 settembre dell’86 fino al 31 agosto dell’anno successivo: in questo caso la ritenuta ammonta al 6,25%. Dal primo settembre del 1987 al 23 giugno del 1997, invece, il valore dell’imposta è pari 12,50%, come anche per i buoni emessi dal primo luglio del 1997. Il tool rappresenta uno strumento utile e facilmente utilizzabile; è indispensabile, come detto, conoscere appieno la natura dei buoni sottoscritti.

L’importanza della tipologia di buoni e dell’imposta di bollo

E’ davvero vasta la gamma di buoni che possono essere sottoscritti dagli investitori. L’evolversi del prodotto, negli anni, ha comportato anche significative modifiche nella natura stessa del titolo. Al bollo cartaceo si è sostituito, in alcuni casi, quello telematico. Si tratta di uno strumento “immateriale” con una sottoscrizione che avviene interamente online.

Anche il rendimento varia a seconda della natura del titolo sottoscritto. Può essere applicato un valore “fisso crescente” oppure “fisso insieme ad una quota variabile” o anche solo fisso.

Non è di secondaria importanza nemmeno l’orizzonte temporale. I buoni a 18 mesi, ad esempio, garantiscono un margine di gran lunga inferiore. Cambia la situazione, naturalmente, per quanto riguarda i buoni a lunga scadenza o gli ordinari (a venti anni). Un’altra categoria è rappresentata dai buoni agganciati al valore dell’inflazione. In questo caso gli interessi corrispondono essenzialmente alle mutazioni del costo del denaro.

L’imposta di bollo (leggi la guida) varia, invece, a seconda dell’importo. Nel caso in cui la somma sia superiore ai cinquemila euro il pagamento è obbligatorio ed ha un valore pari al due per mille dell’ammontare posseduto. Insomma un insieme di variabili da considerare per il calcolo dei buoni e del margine di guadagno.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Orologi a rate senza busta paga
Orologi a rate senza busta paga
2023-01-02
Perché la cessione del quinto può essere più conveniente di un prestito classico
2022-12-15
Valore Nominale
Valore Nominale: cos’è e come si calcola
2022-12-13
Investire in orologi: è una buona idea? Come guadagnare in un mercato in continua espansione
2022-12-06
FTX-Crypto
Non lasciate che il fiasco di FTX Crypto vi spaventi e vi allontani dal Bitcoin
2022-11-14
chi può richiedere un prestito personale?
Chi può richiedere un prestito personale?
2022-11-11
Poste italiane buoni fruttiferi 2022: le caratteristiche del ‘risparmio assicurato’ di Poste
2022-11-09
BPM Banking: accesso e caratteristiche della piattaforma BPM
2022-11-10
Trovare lavoro con i concorsi pubblici è possibile: ecco come fare
2022-10-19
Come funzionano gli straordinari e come vengono pagati
2022-10-14
Con l’Offerta Zero Spese si evitano brutte sorprese
2022-09-16
L’alternativa fra la carta di credito e un prestito personale
2022-07-25
contratti di lavoro
Tipologie di contratti di lavoro: la guida completa
2022-06-04
Visual Marketing: cos’è e perché è così importante
2020-05-02
Vendere l’oro di casa: che cosa è necessario sapere
2022-03-28
Surroga-del-mutuo
Surroga del mutuo: quante volte si può fare richiesta
2022-02-18
Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18