Aprire centro telefonia: ecco come aprire un negozio di cellulari ed accessori

La telefonia è uno degli ambiti più in crescita. Un settore che desta ancora molto successo da parte dei consumatori, sia giovani che adulti, interessati ad ottenere gli ultimi modelli di smartphone o tablet. Insomma aprire un centro telefonia può rappresentare uno investimenti redditizio, visto il continuo sviluppo del settore soprattutto in Italia, dove la diffusione degli smartphone ha raggiunto quote impensabili negli altri paesi del vecchio continente.

Aprire un centro di telefonia: gli aspetti da considerare

Sono i costi a rappresentare uno degli aspetti a cui porre maggiore attenzione quando si sta pensando di aprire un centro telefonia, come nei diversi campi del commercio e dell’imprenditoria in generale. Intraprendere questo tipo di attività non richiede un costo eccessivo, ma nemmeno insignificante. Insomma possiamo considerare la somma delle spese ma inferiore ai 30mila euro. Naturalmente molto dipende dalla tipologia di negozio che si intende aprire e naturalmente dalla commercializzazione che da realizzare.

Avere a che fare con la burocrazia è inevitabile. E’ importante, infatti, dimostrare, una certificazione apposita, di possedere tutti i requisiti morali, l’ambito in cui operare, la collocazione del negozio, la superficie di vendita disponibile. A tutto ciò si aggiunge il rispetto delle norme paesaggistiche previste dall’ente comunale, delle norme igienico sanitarie oltre alla destinazione d’uso dell’immobile. Il tutto nell’ambito di una procedura che non appare difforme alla realizzazione di un negozio ”classico” con l’apertura di una partita Iva (o della costituzione delle società) e l’iscrizione nella Camera di Commercio.

La gestione

I costi di gestione rappresentano un elemento da considerare con attenzione per ogni tipo di attività. Un centro di telefonia è una tipologia di attività che non richiede una quantità notevole di personale. Basta il proprietario, con un collaboratore anche part time per condurre l’attività del negozio, anche se molto, anche in questo caso, dipende dall’entità dell’investimento che si intende realizzare.

Scegliere un locale di dimensioni tutto sommato contenute permette di ridurre le spese derivanti dal fitto, le tasse, le utenze oltre al canone mensile, se presente. Il centro telefonia, per le particolari caratteristiche dei dispositivi elettronici in vendita, può essere facilmente oggetto di incendio o furto, perciò stipulare una polizza assicurativa può risultare essenziale per dormire sogni tranquilli. A tutto ciò si aggiungono gli adempimenti fiscali ed i costi della pubblicità: voci di spesa che portano il costo totale per la gestione di un centro di telefonia sui quattromila euro mensili. 

I guadagni

Abbiamo visto le spese che possono gravare non poco sul bilancio di un’attività economica di questo tipo. I guadagni, invece, raggiungono, in media, il 25%. E’ pari al 10% la somma che si ottiene con la vendita di uno smartphone mentre per le ricariche si scende ai cinque punti percentuali. Insomma anche i guadagni non sono proprio allettanti. Una situazione resa ancora più difficile dalla concorrenza sempre più spietata dei colossi della grande distribuzione, molto attivi nell’ambito della telefonia.

I grandi magazzini, infatti, offrono, spesso, gli stessi prodotti dei piccoli negozi con un margine di guadagno molto inferiore sbilanciando notevolmente la concorrenza in loro vantaggio.

Per questo motivo chi intende aprire un centro telefonia può richiedere un mandato di vendita. Si tratta della licenza, dei gestori stessi della telefonia mobile, di commercializzare i prodotti dei vari operatori. Si ottiene attraverso una serie di verifiche della compagnia sulle credenziali e permette di aprire anche più di un centro telefonia nelle diverse zone. Anche l’apertura di un negozio in una rete in franchising può rappresentare una ghiotta occasione. Ai franchisor, di solito, le compagnie offre una serie completa di servizi: dalla formazione, all’arredamento per il negozio fino alla progettazione degli spazi espositivi. Per il settore del franchising, inoltre, è possibile accedere ad una serie di contributi a fondo perduto.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16