Estinzione anticipata prestito: quando conviene? Calcolo, interessi e costi

estinzione anticipata prestito

Richiedere un prestito può rappresentare una scelta obbligata per chi necessita di una determinata somma da destinare ad un progetto. Attraverso il prestito il denaro erogato dall’istituto di credito è immediatamente nelle disponibilità del cliente.

La restituzione della somma ricevuta, gravata da un determinato tasso di interessi, avviene in un periodo predeterminato, il cosiddetto piano di ammortamento. Può capitare, però, che l’intestatario del finanziamento si trovi nella situazione di dover restituire in anticipo la somma, prima della naturale scadenza del contratto. Si tratta della cosiddetta estinzione anticipata del prestito, un’eventualità che deve essere regolamentata nel contratto di prestito sottoscritto.

Estinzione anticipata del prestito: come funziona?

Come anticipato in precedenza, l’estinzione anticipata del prestito si traduce nella restituzione anticipata della somma residua da pagare prima del previsto. Naturalmente non è solo il capitale ricevuto da restituire, ma anche il margine degli interessi calcolati fino a quel momento.

Valutare la quota di interessi da versare è indispensabile per sapere quanto effettivamente si dovrà pagare all’istituto di credito. Per effettuare il calcolo basta controllare il prospetto relativo al finanziamento valutando le quote di capitale residuo  ancora da pagare e gli interessi che si vanno ad aggiungere.

In generale l’estinzione anticipata del prestito rappresenta la soluzione ideale solo nel caso in cui si è agli inizi del pagamento del finanziamento e gli interessi da pagare sono, dunque, molto alti. Se si è ormai in una fase avanzata del pagamento rateale può essere più conveniente pagare quanto dovuto nei tempi previsti. In alcuni casi, infatti, l’istituto di credito pone delle penali anche molto pesanti per l’estinzione anticipata con somme che racchiudono anche gli interessi non pagati alla banca.

Estinzione anticipata del prestito: i costi

Il capitale residuo e, gli interessi che nel frattempo maturano sulla somma, rappresentano solo una parte della quota da pagare in caso di estinzione anticipata del prestito. Altri costi potrebbero aggiungersi appesantendo non poco il costo dell’interruzione del contratto. E’ il caso della mora, ovvero un ulteriore balzello che l’istituto di credito applica sulla base degli interessi che non andrà a riscuotere in futuro.

Si tratta di un aspetto regolamentato da una legge del 2013 che ha riformato il credito al consumo fissando nuovi paletti per quanto riguarda i prestiti e, nello specifico, del rimborso anticipato. In pratica ora la legge prevede un’applicazione precisa dell’indennizzo che il cliente deve restituire in caso di estinzione che pertanto non è più deciso arbitrariamente dall’istituto di credito.

La quota è dell’1% dell’importo da restituire in anticipo nel caso in cui la durata residua del contratto superi un anno e dello 0,50% se la durata residua è inferiore ad un anno.

Non è dovuto alcun tipo di indennizzo, invece, nel caso in cui l’importo rimborsato in anticipo sia pari o inferiore a diecimila euro e se il rimborso anticipato avviene in esecuzione di quanto previsto da un contratto di assicurazione di garanzia del credito stipulato in precedenza.

Conviene o no l’estinzione anticipata?

Sono gli interessi da versare a determinare la convenienza o meno dell’estinzione anticipata del prestito perciò è utile valutarne l’ammontare in precedenza. Il valore degli interessi che devono essere ancora corrisposti alla banca, ma soprattutto della penale che verrebbe applicata in caso di estinzione, rappresentano gli elementi imprescindibili da valutare prima di decidere per l’estinzione.

Per effettuare un calcolo preciso basta prendere in considerazione la somma residua ancora da restituire dividendo le quote di capitale e degli interessi del debito residuo. A questo punto è necessario eliminare gli interessi prendendo in considerazione solo le quote del capitale. Ora bisogna aggiungere alla somma l’importo della penale eventualmente applicata dall’istituto di credito. Il risultato è la somma da versare.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16