Prestiti vitalizio ipotecario: cosa sono e come funzionano. La guida completa

Il prestito vitalizio ipotecario è una particolare forma di finanziamento accessibile anche agli over sessanta. Una somma di ben 350 mila può essere ottenuta dai proprietari di un immobile attraverso il prestito vitalizio ipotecario. Insomma si tratta del prodotto più adatto ai clienti più in là con gli anni e che altrimenti risulterebbe esclusi fa qualsiasi forma di finanziamento. Naturalmente agli innegabili vantaggi si affiancano anche requisiti, obblighi e svantaggi ben precisi. In questa guida analizzeremo le caratteristiche di un finanziamento sempre più diffuso.

Prestito vitalizio ipotecario: come funziona?

E’ di 350mila euro la somma che può essere ottenuta attraverso un prestito vitalizio ipotecario. L’importo viene erogato dall’istituto di credito senza che il titolare dell’immobile perda la proprietà della casa stessa. Per richiedere un prestito vitalizio ipotecario è necessario valutare attentamente le condizioni e la somma che la banca è in grado di offrire al cliente.

Determinare l’importo che soddisfi le proprie esigenze di liquidità rappresenta uno dei passaggi fondamentali da effettuare prima di richiedere un prestito vitalizio ipotecario. In caso contrario può essere utile orientare la propria scelta verso una formula di finanziamento più adeguata alle proprie richieste come la nuda proprietà o la cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Il valore finanziato in un prestito vitalizio ipotecario, di solito, è del 50% del valore dell’immobile, ma molto varia a seconda dell’età del cliente.

In realtà, orientativamente, l’importo erogato è compreso tra un minimo del 10% del valore dell’immobile per chi ha sessantanni, del 20% per chi ne ha settanta, del 40% per gli utenti ottantenni e del 50% per i novantenni.

La richiesta di prestito può essere presentata alle varie banche, quasi tutte, che offrono questo tipo di finanziamento. Naturalmente è utile non fermarsi al primo istituto di credito, ma valutare le condizioni delle varie banche, magari attraverso i comparatori online.

In ogni caso è utile valutare bene soprattutto il tasso applicato, l’ammontare dell’imposta sostitutiva ed in generale del Taeg.

Per richiedere il prestito vitalizio ipotecario è necessario presentare i documenti personali, ovvero il codice fiscale, una copia della carta di identità, lo stato di famiglia, l’atto di provenienza o la relazione notarile effettuata sull’immobile, la perizia ed eventualmente le altre garanzie che l’istituto di credito potrebbe richiedere.

A questo punto non resta che attendere il parere di fattibilità.

Il passaggio successivo è la perizia immobiliare. In pratica un esperto della compagnia si recherà direttamente all’indirizzo dell’immobile verificandone le condizioni e quindi il valore. La perizia è a carico del cliente con il costo che va a comporre la voce del tasso di interessi.

L’erogazione

La stipula del contratto prevede l’applicazione immediata di un’ipoteca sull’immobile e l’erogazione della somma prevista attraverso un assegno non trasferibile. A questo punto il titolare della casa può prelevare il denaro utilizzandolo come meglio crede, anche se rispettando alcuni vincoli ben precisi.

Tra gli obblighi che più comunemente vengono applicati rientra la possibilità di affittare l’immobile, venderlo, realizzare opere di ristrutturazione, ma soprattutto di applicare una nuova ipoteca.

La restituzione della somma

Una delle caratteristiche principali del prestito vitalizio ipotecario è la facoltà, offerta al cliente, di ripagare la somma ricevuta in rate o non pagare nulla, trasferendo l’obbligo di estinzione del debito agli eredi.

In quest’ultimo caso gli eredi dovranno versare la somma concessa dalla banca più gli interessi in un unico versamento. In caso contrario è possibile lasciare la casa alla banca che la venderà. 

Nel caso di vendita, l’eventuale quota in eccesso rispetto all’importo oggetto del prestito vitalizio ipotecario, più gli interessi maturati nel tempo, sarà versata dall’istituto di credito agli eredi estinguendo gli effetti del contratto di prestito vitalizio ipotecario.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16