Azione surrogatoria

Quando è possibile applicare l’azione surrogatoria per preservare la garanzia

In un rapporto tra creditore e debitore, può accadere che il primo possa interferire nell’esercizio dei diritti del primo, verso terzi, attraverso una formula che si chiama azione surrogatoria. In pratica il soggetto che deve ricevere una determinata somma di denaro, può registrare un comportamento inerte da parte del debitore, il quale rinuncia a far valere i suoi diritti rispetto a terzi. Il rischio, in pratica, è la diminuzione del patrimonio del debitore con la conseguente inadempienza ed il venir meno della garanzia.

L’azione surrogatoria interviene, quindi, in questa determinata condizione e consente al creditore di intervenire “negli affari” del debitore spingendo alla riscossione del crediti. Cosa comporta, in pratica, l’azione surrogatoria per entrambi i soggetti? Vediamolo insieme.

Azione surrogatoria: cosa dice la Legge?

Il creditore che accede all’azione surrogatoria è spinto dalla preoccupazione che il debitore non sia in grado ad adempiere ai suoi obblighi. Con questa formula può però sostituirsi ad esso esercitandone i diritti, al fine di ottenere quanto dovuto.

Ma la normativa è molto precisa e prevede che solo in determinati casi il soggetto creditore possa adoperarsi nelle questioni private del debitore. Solo le azioni di tipo patrimoniale possono essere oggetto dell’azione surrogatoria mentre, per altre azioni, è necessario l’intervento del solo titolare del diritto. Il creditore che intende agire per via giudiziale, inoltre, deve citare anche il debitore a cui intende surrogarsi.

Ma è l’effettiva inerzia del debitore a rappresentare il presupposto fondamentale per l’azione surrogatoria. Si tratta di una condizione essenziale per accedere alla formula. In pratica il modus operandi del debitore deve essere realmente in grado di mettere in pericolo la riscossione del debito e di conseguenza delle ragioni del creditore. L’azione surrogatoria può riguardare sia i beni che somme di denaro su cui il debitore può effettivamente esercitare i suoi diritti

Nel caso in cui il debitore si attivi per la riscossione del debito, il presupposto dell’azione surrogatorie decade.

Gli effetti dell’azione surrogatoria

Con l’approvazione dell’azione surrogatoria, al debitore sono concesse tutte le facoltà di cui era precedentemente titolare il debitore. La differenza fondamentale tra le due posizioni è l’assenza di un’azione in vantaggio personale del debitore, ma del suo patrimonio.

E’ la cura di questo fondamentale aspetto a guidare l’azione del soggetto che ha effettuato la surroga.  Nel caso in cui per l’esecuzione del credito sia essenziale agire per vie legale, è necessario coinvolgere debitore surrogato sia citandolo in giudizio. 

E’ indispensabile tenere presente che l’approvazione dell’azione surrogatoria viene decisa dal giudice che valuta le caratteristiche del rapporto che intercorre tra debitore e creditore.

I presupposti

Essendo una condizione delicata e che prevede una sostanziale intromissione nelle questioni patrimoniali del debitore, l’azione surrogatoria viene attivata solo in determinate situazioni. I primo aspetto che il magistrato tiene presente è l’effettiva inerzia del debitore che, rinunciando ai suoi diritti, potrebbe compromettere seriamente quelli del creditore, non ripagando il suo debito.

Occorre, in parole povere, che esista un diritto oggettivo da parte del creditore e che può far valere attraverso l’azione surrogatoria. Il credito vantato dal soggetto, inoltre, deve essere un diritto di credito inteso come diritto all’adempimento di un obbligo di tipo giuridico. Anche l’effettiva esistenza del credito rappresenta, naturalmente, un presupposto basilare per la realizzazione dell’azione surrogatoria.

Ma è la condizione di effettiva inerzia del debitore a rappresentare la questione più spinosa della questione. Si tratta di una valutazione che il giudice realizza valutando varie questioni e che, come detto, decade non appena il debitore metta in pratica specifiche azioni per il recupero dei crediti. Secondo la Legge, inoltre, non è necessaria la sussistenza effettiva dell’inerzia, ma del pericolo oggettivo che essa determini l’impossibilità di corrispondere quanto dovuto al creditore.

 

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

FTX-Crypto
Non lasciate che il fiasco di FTX Crypto vi spaventi e vi allontani dal Bitcoin
2022-11-14
chi può richiedere un prestito personale?
Chi può richiedere un prestito personale?
2022-11-11
Poste italiane buoni fruttiferi 2022: le caratteristiche del ‘risparmio assicurato’ di Poste
2022-11-09
BPM Banking: accesso e caratteristiche della piattaforma BPM
2022-11-10
Trovare lavoro con i concorsi pubblici è possibile: ecco come fare
2022-10-19
Come funzionano gli straordinari e come vengono pagati
2022-10-14
Con l’Offerta Zero Spese si evitano brutte sorprese
2022-09-16
L’alternativa fra la carta di credito e un prestito personale
2022-07-25
contratti di lavoro
Tipologie di contratti di lavoro: la guida completa
2022-06-04
Visual Marketing: cos’è e perché è così importante
2020-05-02
Vendere l’oro di casa: che cosa è necessario sapere
2022-03-28
Surroga-del-mutuo
Surroga del mutuo: quante volte si può fare richiesta
2022-02-18
Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31