Pro solvendo nella cessione del credito: una garanzia contro l’inadempienza?

La formula delle cessione del credito è molto comune in ambito economico e di fondamentale importanza per gli operatori dei più disparati settori. Le tipologie di cessione del credito sono fondamentalmente due: la pro solvendo e la pro soluto. Si tratta di termini che, a prima vista, potrebbe apparire di difficile comprensione, ma che, in realtà, si riassumono in concetti relativamente semplici.

Credito, le caratteristiche principali

Quando si parla di credito è bene chiarire i fondamenti che ne determinano le caratteristiche. Il credito, secondo la Legge, può essere considerato a tutti gli effetti come un bene che, quindi, può essere anche ceduto. Avremo, in questo caso, la cessione del credito, ovvero il trasferimento del diritto di ricevere una determinata somma, da un soggetto all’altro.

Sono tre gli individui che vengono coinvolti in questo determinato processo: il cedente, ovvero la persona che cede il diritto al credito, il cessionario che riceve il diritto ed, infine, il debitore o il “ceduto”.

Il contratto, secondo la Legge, può essere oneroso, nel caso in cui al creditore spetta l’obbligo di garantire la sussistenza reale del debito e a titolo gratuito, nel caso in cui la cessione del credito avvenga a seguito di un pagamento, mentre, allo stesso tempo, il creditore deve garantire che non esistano soggetti che possano rivendicarne il possesso. Ma quando si parla di credito pro solvendo e pro soluto?

Credito pro solvendo, di cosa si tratta?

Con il termine di credito pro solvendo si intende una particolare formula contrattuale che prevede la mancata esclusione del cedente. In pratica questo soggetto continua ad essere coinvolto nel contratto in quanto risponde, in via diretta, del mancato pagamento del debitore. Nel caso in cui quest’ultimo non provveda ad ripagare quanto dovuto, il cedente dovrà intervenite nei confronti del cessionario corrispondendo la somma prevista. E’ indispensabile tenere presente che il soggetto che ha l’obbligo di versare il denaro (il debitore) debba essere opportunamente tenuto al corrente dell’operazione. Nel caso contrario, il pagamento avvenuto anche al cedente, libera il debitore da ogni tipo di responsabilità.

Insomma la cessione del credito rappresenta una formula definita nei minimi dettagli dal legislatore. Ad ogni tipo di inadempienza corrisponde una conseguenza ben precisa, per tutte le parti in causa.

Anche per quanto riguarda la cessione del credito pro soluto, la normativa è ben definita.

Cessione del credito pro soluto

E’ la formula diversa e, per certi aspetti opposta, alla cessione pro solvendo. Con questo procedimento il soggetto che si impegna a cedere il diritto ad esigere il credito, non ha alcun tipo di obbligo nei confronti del cessionario non rispondendo di un’eventuale inadempienza da parte del debitore. In pratica la cessione del credito, a differenza del credito pro solvendo, libera il cedente da ogni tipo di responsabilità oggettiva nel contratto.

L’unico obbligo che ricade su chi cede il credito è di assicurare l’effettiva esistenza dello stesso all’altro soggetto. Avvenuta la cessione, costui viene estromesso dal rapporto contrattuale che, a questo punto, vedrà coinvolti il nuovo proprietario del credito, il cessionario, ed il debitore.

Da ciò ne deriva una condizione di effettiva insicurezza riguardo gli obblighi contrattuali da parte del debitore. Sottoscrivendo questa formula il cessionario, in pratica, si espone ad un rischio maggiore essendo impossibilitato a rivolgersi al titolare originario del debito.

Insomma il credito pro solvendo è senza dubbio la formula più conveniente per chi riceve il credito, oltre che la più ricorrente.

La cessione del credito dell’Iva rappresenta una delle tipologie di contratto per cui è più spesso è applicata la cessione del credito pro soluto. Si tratta di una procedura molto comune per le aziende che, in questo modo, possono recuperare i crediti Iva maturati.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Orologi a rate senza busta paga
Orologi a rate senza busta paga
2023-01-02
Perché la cessione del quinto può essere più conveniente di un prestito classico
2022-12-15
Valore Nominale
Valore Nominale: cos’è e come si calcola
2022-12-13
Investire in orologi: è una buona idea? Come guadagnare in un mercato in continua espansione
2022-12-06
FTX-Crypto
Non lasciate che il fiasco di FTX Crypto vi spaventi e vi allontani dal Bitcoin
2022-11-14
chi può richiedere un prestito personale?
Chi può richiedere un prestito personale?
2022-11-11
Poste italiane buoni fruttiferi 2022: le caratteristiche del ‘risparmio assicurato’ di Poste
2022-11-09
BPM Banking: accesso e caratteristiche della piattaforma BPM
2022-11-10
Trovare lavoro con i concorsi pubblici è possibile: ecco come fare
2022-10-19
Come funzionano gli straordinari e come vengono pagati
2022-10-14
Con l’Offerta Zero Spese si evitano brutte sorprese
2022-09-16
L’alternativa fra la carta di credito e un prestito personale
2022-07-25
contratti di lavoro
Tipologie di contratti di lavoro: la guida completa
2022-06-04
Visual Marketing: cos’è e perché è così importante
2020-05-02
Vendere l’oro di casa: che cosa è necessario sapere
2022-03-28
Surroga-del-mutuo
Surroga del mutuo: quante volte si può fare richiesta
2022-02-18
Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18