Imposta di registro sulla prima casa

Come si calcola l’imposta di registro sulla prima casa

Sono davvero tanti i balzelli che sono applicati sulle compravendite immobiliari. Una serie di imposte tra cui è davvero facile confondersi per la complessità delle varianti applicate a seconda di tanti fattori. Insomma districarsi in una serie imposte valutabili caso per caso può essere scoraggiante, anche per i più volenterosi.

L’imposta di registro è, ad esempio, uno degli aggravi previsti per chi vuole effettuare una compravendita immobiliare. Si tratta di un tributo previsto dalla Legge del nostro paese e che viene applicato su tutti gli atti che prevedono la registrazione all’Agenzia delle Entrate.

Viene considerata come una tassa nel caso in cui sia strettamente collegata ad un servizio offerto dallo Stato attraverso la pubblica amministrazione mentre si presenta come un’imposta nel caso in cui sia riferita al valore di tipo economica dell’atto realizzato.

E’ l’atto che necessita della registrazione ad essere oggetto dell’imposta di registro mentre l’imposizione si può applicare sia nel caso di procedura all’Agenzia che su atti sui quali la registrazione avviene “nel caso di uso”. Ma è l’imposta di registro sulla prima casa ad essere quella maggiormente conosciuta dagli italiani.

Imposta di registro per l’acquisto della prima casa: quando viene applicata?

Si tratta di una dei tanti tributi che, come detto, si applicano alla compravendita immobiliare. L’atto prevede il trasferimento della proprietà per il corrispettivo in denaro e, per le caratteristiche peculiari, viene effettuato alla presenza di un notaio che garantisce che il tutto avvenga il modo del tutto regolare (leggi la guida sull’atto notarile).

Solo in questo modo il professionista è in grado di stabilire la regolarità dell’atto in presenza del venditore e dell’acquirente, dell’identità dei due contraenti, la veridicità di ciò che viene riportato nel contratto e dell’inesistenza di eventuali ipoteche.

Nel contratto vanno indicate le varie voci di costo e le modalità di pagamento. Si tratta di un punto notevolmente intricato perché strettamente dipendente dalle più svariate caratteristiche dell’immobile e dei contraenti. Proprio l’imposta di registro, applicata sull’acquisto della prima casa, può essere oggetto di speciali sconti.

Imposta di registro sulla prima casa: le agevolazioni previste

E’ del 2% sul valore dell’immobile, l’imposta di registro applicata nel solo caso in cui il venditore sia un privato. A tutto ciò si aggiunge la mancata applicazione dell’Iva, l’imposta ipotecaria e catastale entrambe di cinquanta euro.

Cambiano gli importi nel caso in cui l’imposta di registro che viene applicata sull’acquisto della prima casa, si riferisca ad un’abitazione considerata di lusso; rientrante, cioè, nelle particolari categorie catastali A1, A8 ed A9. Con la prima sigla vengono indicate le abitazioni signorili: immobili inseriti in aree di particolare pregio e caratterizzati da materiali di costruzione e rifiniture di notevole valore. Alle altre due sezioni A8 ed A9 appartengono, invece, le strutture come le ville con giardino o i castelli. Su questi immobili l’imposta di registro ammonta a nove punti percentuali.

Ma le ultime agevolazioni hanno comportato degli specifici sconti sull’importa di registro per la prima casa anche per coloro che cambiano l’abitazione con un nuovo immobile. Quest’ultimo, naturalmente, viene adibito a prima casa con la condizione che la vecchia casa sia venduta entro un anno.  Si tratta di un tipo di sconto che può essere applicato anche sull’Iva e anche se l’acquirente ha usufruito degli sconti in passato.

Nel caso in cui il venditore sia un’impresa di costruzione, invece, l’imposta di registro sulla prima casa equivale a 200 euro come quella catastale. Cambia anche l’ammontare dell’aliquota Iva che passa al 4%; anche in questo caso nessun tipo di sconto viene applicato sulle strutture considerate come immobili di lusso quali ville, case di pregio e castelli.

Se l’acquisizione dell’immobile avviene da un’impresa di costruzione che non abbia né realizzato direttamente l’immobile né ristrutturato in un periodo antecedente ai cinque anni, l’imposta di registro è del 2% mentre quella ipotecaria e catastale sono ognuna di cinquanta euro. 

Cambia l’applicizione dell’imposta di registro anche nel caso in cui l’abitazione oggetto della compravendita sia una seconda casa. A questo punto il tributo applicato ammonta a nove punti percentuali con le imposte catastale ed ipotecaria che ammontano a 50 euro. Si tratta, anche in questo caso, di un’acquisto realizzato da un privato o da un’impresa non costruttrice e che comunque non abbia realizzato o ristrutturato l’immobile negli ultimi cinque anni.

Sale l’imposta di registro quando a vendere sia l’impresa costruttrice con una quota pari a duecento euro; stessa somma per l’imposta di registro e catastale. Al tutto si aggiunge l’Iva che viene applicata al 10% mentre si sale a ventidue punti percentuali in caso di immobile considerato di “lusso”. Insomma quote differenti per diverse situazioni; ma come si versa l’imposta di registro?

Si tratta di un procedimento molto semplice. Il pagamento deve avvenire al momento della registrazione stessa dell’atto al notaio che segue l’intero procedimento. Nel caso in cui la vendita dell’immobile o di pertinenze avvenga tra due privati,  si può richiedere che la base imponibile per il calcolo sia il valore catastale anziché il prezzo pagato.

 

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16