Mutui per ricapitalizzazione

Come funzionano i mutui per ricapitalizzazione e quando conviene sottoscriverli

Tra le tante forme di finanziamento che possono essere sottoscritte dalle aziende, ci sono i mutui per ricapitalizzazione. Si tratta di una tipologia  di mutuo che consente alle attività produttive di rilanciarsi attraverso un aumento di capitale. Il mutuo per ricapitalizzazione può assumere la forma di mutuo ipotecario, ma anche chirografario e rappresenta una delle formule più comuni in ambito economico.

Le forme di finanziamento destinate alle imprese hanno un piano di ammortamento, cioè un periodo nel quale il cliente deve restituire la somma pari, ad un massimo, di quindici anni. I prodotti disponibili, per chi ha un’attività economica, sono vari e si compongono dal classico mutuo stagionale, edilizio, ipotecario e, come detto, quello di ricapitalizzazione.

Mutui per ricapitalizzazione: le caratteristiche principali

Se le altre formule di finanziamento possono essere sottoscritte, a scelta del cliente, per lavori edilizi, ampliamento attività, il mutuo per ricapitalizzazione, come descrive il suo stesso nome, indica un finanziamento rivolto esclusivamente a ricapitalizzare la propria attività economica.

L’imprenditore che accede a questo mutuo può ottenere una somma pari al 100% dell’aumento di capitale deliberato. L’utilizzo è, di solito, rivolto a riequilibrare la passività riscadenziando i debiti della compagnia. Insomma un mutuo il cui utilizzo è destinato a stabilizzare la situazione dell’attività economica. Come detto la sottoscrizione del finanziamento per ricapitalizzazione può avvenire attraverso il finanziamento ipotecario o chirografario. Analizziamo le due varianti.

Il mutuo ipotecario per la ricapitalizzazione

Si tratta di un finanziamento rivolto alle piccole e medie imprese. In questo caso la garanzia del mutuo consiste in un’ipoteca che viene applicata su un immobile. La sottoscrizione del finanziamento è destinata alle imprese impegnate in un rafforzamento patrimoniale o ai soci delle aziende nelle quali le forma giuridica consente di accedere a fondi per capitalizzare l’attività economica.

In caso di delibera di aumento di capitale, il mutuo può essere acceso per l’ammontare definito nella capitalizzazione decisa dai soci. La restituzione della somma ricevuta avviene attraverso un preciso “piano di ammortamento” con il pagamento di rate periodiche. Il finanziamento può essere sottoscritto anche per sostituire un vecchio mutuo attraverso la formula della surroga, ma solo per i mutuatari che rientrano nella categoria delle micro imprese. La sottoscrizione del finanziamento può essere realizzata da tutte le categorie di imprese, tranne per quelle individuali cioè sprovviste di capitale sociale.

Alla sottoscrizione del mutuo devono essere presentate delle specifiche garanzie, a discrezione della banca. Può trattarsi di garanzie reali, in caso di ipoteca su un bene immobile, o personali nel caso in cui i singoli soci o terzi decidano di offrire, come cauzione, fondi o cessioni di credito.

Mutui per ricapitalizzazione: il finanziamento chirografario

Anche in questo caso ci tratta di una forma di mutuo a medio e lungo termine sia a tasso fisso che variabile. Sono due le tipologie di mutuo chirografario a cui si può accedere, a seconda delle caratteristiche della compagnia che richiede il prestito e della capitalizzazione che l’azienda intende mettere in campo: il nuovo capitale a rate ed il nuovo capitale a leva.

Nel primo caso il mutuo è rivolto alle attività economiche che intendono finanziare un programma di capitalizzazione deliberato, ma non ancora messo in pratica. In questa condizione la somma che può essere ricevuta dall’imprenditore non può risultare maggiore al doppio dell’ammontare dell’aumento sociale deciso dai vari soci.

Per quanto riguarda il secondo caso, il “nuovo capitale di leva”, è indispensabile tenere presente che si rivolge esclusivamente ai piani deliberati e già messi in pratica. Il massimo che può essere ricevuto è pari al quadruplo dell’aumento di capitale praticato. L’istituto di credito, in questo caso, richiede una garanzia fideiussoria.

Il mutuo chirografario è diretto alle aziende piccole e medie che hanno un numero di dipendenti, a contratto indeterminato o determinato, pari ad un minimo di 150 con un valore del fatturato inferiore a cinquanta milioni di euro o un attivo di 43 milioni. Per accedere al mutuo è necessario mostrare la certificazione che attesti l’aumento di capitale effettuato.

 

 

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

FTX-Crypto
Non lasciate che il fiasco di FTX Crypto vi spaventi e vi allontani dal Bitcoin
2022-11-14
chi può richiedere un prestito personale?
Chi può richiedere un prestito personale?
2022-11-11
Poste italiane buoni fruttiferi 2022: le caratteristiche del ‘risparmio assicurato’ di Poste
2022-11-09
BPM Banking: accesso e caratteristiche della piattaforma BPM
2022-11-10
Trovare lavoro con i concorsi pubblici è possibile: ecco come fare
2022-10-19
Come funzionano gli straordinari e come vengono pagati
2022-10-14
Con l’Offerta Zero Spese si evitano brutte sorprese
2022-09-16
L’alternativa fra la carta di credito e un prestito personale
2022-07-25
contratti di lavoro
Tipologie di contratti di lavoro: la guida completa
2022-06-04
Visual Marketing: cos’è e perché è così importante
2020-05-02
Vendere l’oro di casa: che cosa è necessario sapere
2022-03-28
Surroga-del-mutuo
Surroga del mutuo: quante volte si può fare richiesta
2022-02-18
Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31