Autorizzazione paesaggistica: i passaggi necessari per richiedere i permessi

Realizzare un immobile in un’area sottoposta ad un preciso vincolo richiede un atto ben specifico: l’autorizzazione paesaggistica. Introdotta nel 2004, l’autorizzazione paesaggistica si riassume in un permesso che l’ente preposto deve rilasciare al soggetto che intende edificare un immobile in un determinato spazio. Si tratta, quindi, di un atto presupposto senza il quale non è possibile il rilascio di un titolo autorizzativo che consenta di dare il via ai lavori. Quali sono gli interventi che necessitano di un’autorizzazione paesaggistica?

Autorizzazione paesaggistica: quando è obbligatoria?

Come detto sono le aree sottoposte a determinati vincoli ad essere oggetto dell’atto di concessione. I territori vicini alla costa, ad esempio, costituiscono zone vincolate. Si tratta di aree che si trovano a distanza non superiore a trecento metri dalla linea di battigia, cioè dal punto di incontro tra la terra ed il mare.

Un discorso del tutto analogo si applica per le aree a ridosso dei laghi. Anche in questo caso il termine nel quale ricade il vincolo è di trecento metri dalla sponda.

Per le particolari condizioni ambientali anche le montagne sono oggetto di vincolo. Si tratta, in questo caso, di un limite che ricade in automatico dall’altezza dal livello del mare, pari a 1.600 metri per la zona delle Alpi mentre si “scende” a 1.200 per la catena degli Appennini.

Naturalmente anche i parchi ricadono nelle aree considerate vincolate come come le riserve nazionali, regionali e le zone attigue ai parchi, dove previsto. I ghiacciai e i circhi glaciali prevedono l’autorizzazione paesaggistica come anche i vulcani.

Alle aree finora elencate si aggiungono, inoltre, le zone ricoperte da boschi, le aree “umide” come previsto dal dpr 448/1976 e naturalmente le zone di interesse archeologico. Insomma una percentuale significativa del territorio del nostro paese rendendo l’autorizzazione paesaggistica un procedimento molto comune in Italia.  Ma come funziona l’iter per ottenere i permessi necessari?

Autorizzazione paesaggistica: gli adempimenti previsti

Il primo passo da fare è di compilare l’apposita domanda scaricandola dal sito dell’ente preposto. Si tratta quasi sempre del Comune. Una volta consegnata la richiesta, l’amministrazione locale ha quaranta giorni per valutarla e inviarla alla Soprintendenza.

E’ a quest’ultimo ente che spetta la valutazione della domanda e la correttezza della documentazione presentata. In un termine “inderogabile” di 45 giorni gli esperti devono comunicare il “parere di competenza“.

Una volta giunta l’approvazione, la palla ripassa all’ente territoriale. Altri venti giorni devono trascorrere, per consentire di rilasciare l’autorizzazione a tutti gli effetti.

Insomma il tempo da aspettare è davvero tanto. Analizzando le tempistiche riportate, infatti, si può notare come, in mancanza di “intoppi” l’intera procedura dovrebbe essere portata a termine in tre mesi e mezzo. Per fortuna non tutti gli interventi di questo tipo devono essere accompagnati da un parere di questo tipo.

Autorizzazione paesaggistica: quando non è necessaria

E’ il Codice 42/2004 a regolare i lavori per i quali sono necessari gli specifici permessi. La manutenzione ordinaria rappresenta, ad esempio, un intervento che non richiede l’autorizzazione paesaggistica come anche quella straordinaria ed il restauro conservativo.

E’ da tenere presente, però, che gli interventi suddetti non devono comportare un’alterazione dei luoghi e soprattutto dell’aspetto esteriore degli immobili.

Il taglio colturale, gli interventi di forestazione o riforestazione e gli interventi relativi allattività silvo-agro-pastorale non ricadono nei casi per i quali è prevista l’autorizzazione paesaggistica come anche le opere di antincendio, bonifica e conservazione dei boschi o delle foreste.

Da segnalare le novità messe in campo nel regolamento dpr. Nuovi interventi “liberi” sono ora previsti nella regolamentazione paesaggistica. Si tratta dei lavori interni, anche in grado di modificare la destinazione d’uso della struttura, la copertura degli immobili, l’abbattimento delle barriere architettoniche, gli interventi sulla staticità degli edifici e l’installazione di caldaie, condizionatori o pannelli solari.

 

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16