Ristrutturazione edilizia: guida definitiva

Ristrutturazione edilizia

La ristrutturazione edilizia riguarda interventi che possono essere svolti sull’immobile di proprietà per diversi motivi legati alla manutenzione o a lavori di abbellimento.

Pertanto essendo interventi finalizzati al miglioramento dell’unità abitativa e di conseguenza all’aumento del suo valore sono soggetti ad una serie di vantaggi e discipline specifiche che ne aiutano l’esecuzione.

Tipologia di ristrutturazione edilizia

Allo stato attuale è possibile effettuare lavori di ristrutturazione per i seguenti motivi: manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria e manutenzione grandi opere.

La differenza è nel tipo e nella natura dei lavori che deve subire l’immobile, ad esempio la manutenzione ordinaria e straordinaria riguarda edifici già esistenti sui quali possono essere necessari degli interventi al rifacimento della facciata e/o che restituiscono funzionalità all’edificio stesso.

In questo caso non c’è neanche la necessità di richiedere un permesso in quanto non viene modificato né l’aspetto esterno né l’ingombro interno, ragion per cui, questo tipo di lavoro viene definito nella categoria delle “piccole opere”.

Al contrario la ristrutturazione definita “Grandi Opere” comporta un tipo di gestione completamente diversa, in quanto comprende tutte le opere che riguardano l’edificio nella sua interezza, sia internamente che esternamente e contribuiscono alla trasformazione sostanziale dell’immobile sul quale si stanno eseguendo.

Come richiedere un mutuo per la ristrutturazione edilizia

Una volta definita la differenza tra le varie tipologie di ristrutturazione dobbiamo sapere che per ognuna è possibile chiedere alla nostra banca un mutuo finalizzato alla realizzazione di questi lavori.

La procedura è sostanzialmente simile a quella di un mutuo normale, vanno presentati tutti i documenti di rito, da quelli personali a quelli reddituali per lo screening della posizione.

A seconda, però, del tipo di intervento da effettuare sull’immobile dovremo integrare la richiesta con uno o più documenti direttamente legati all’attività da svolgere.

Nel caso in cui parliamo di Manutenzione Ordinaria dovremo presentare alla banca un preventivo di spesa redatto dall’impresa che si occuperà dei lavori o da un professionista abilitato.

Per la Manutenzione Straordinaria è necessario presentare, oltre al preventivo di spesa anche il progetto edilizio, la domanda di autorizzazione dei lavori del comune presso il quale è situato l’immobile e la denuncia di inizio attività (DIA).

Quando parliamo di Grandi Opere, invece, è necessario oltre al preventivo di spesa anche la concessione edilizia rilasciata dal comune e la ricevuta del versamento del contributo dovuto all’amministrazione comunale.

Ristrutturazione edilizia: incentivi ed agevolazioni fiscali

I lavori di ristrutturazione nonostante abbiano adempimenti diversi per l’ordinaria o la straordinaria godono della possibilità di poter rientrare nella casistica delle detrazioni ed agevolazioni fiscali.

Il governo infatti ha promulgato una serie di interventi in termini fiscali che dovrebbero rendere questi lavori più appetibili, questi interventi sono regolamentati dal Testo unico sulle imposte dei redditi fino al 2011, mentre dal 2012 la possibilità di accedere alle agevolazioni è stata resa permanente con il DL 201/2012.

Per tutte le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2016 sarà possibile portare in detrazione dall’IRPEF il 50% delle spese effettuate fino ad un massimo importo ammesso di € 96,000,00.

Per tutte le spese, invece, sostenute dal 1 gennaio 2017 sarà possibile portare in detrazione dall’IRPEF il 36% di quelle effettuate fino ad un tetto massimo ammesso di € 48.000,00.

Per tutti quei lavori, invece che riguardano la messa a norma degli edifici in materia antisismica sono previsti incentivi differenti che riguardano il 65% delle spese effettuate dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2014 ed il 50% per le spese sostenute dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2016, fino ad un tetto massimo detraibile di € 96.000,00.

Ristrutturazione edilizia: come ripartire e chiedere le detrazioni

La detrazione ammessa sarà ripartita in 10 quote annuali di importo uguali e cadranno nell’anno della spesa ed in quelli successivi.

Ad ogni modo se le spese sono state sostenute prima del 31 dicembre 2011 i contribuenti che hanno compiuto 75 anni di età potranno ripartire la detrazione in 5 rate mentre quelli che hanno compiuto gli 80 anni di età potranno ripartirla in 3 rate annuali.

Per richiedere le detrazioni basta riportare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali dell’immobile ed i dati di registrazione dell’atto di proprietà nel momento in cui questi lavori siano stati effettuati dal proprietario.

Se l’immobile non è stato ancora censito bisogna presentare la domanda di accatastamento e le ricevute di pagamento dell’IMU, se invece non è di vostra proprietà sarà necessaria un’autorizzazione scritta da parte del proprietario.

L’importante è che per poter usufruire delle detrazioni tutte le spese devono essere state pagate con bonifico bancario o postale recante la dicitura di riferimento alla norma nella causale del versamento, oltre al codice fiscale di chi paga e la partita iva della ditta beneficiaria.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16