Concessione edilizia o permesso di costruire: gli adempimenti necessari

La concessione edilizia era un procedura molto conosciuta attraverso cui un ente comunale modificava la destinazione d’uso di una precisa area del comune autorizzando la realizzazione di nuovi immobili. Si tratta di un procedimento messo in campo nel 1977 nell’ambito della cosiddetta Legge Bucalossi. Inizialmente era il sindaco a gestire questo aspetto, ma successivamente sono stati i dirigenti comunali ad avere il potere di rilascio.

Il funzionamento era molto semplice. Era un proprietario di un determinato terreno ad inviare la richiesta per una concessione all’ente comunale chiedendo la realizzazione di uno o più immobili. La documentazione da presentare era molto precisa e si componeva di una descrizione dell’area sulla quale veniva realizzata l’opera corredata, naturalmente, dalle caratteristiche dell’immobile da realizzare. 

Si complicavano leggermente le cose, invece, per coloro che avevano intenzione di realizzare una struttura di tipo produttivo o industriale. In questo caso era l’ASL ad intervenire per accertarsi del rispetto del terreno di determinati valori come la salvaguardia della salute degli abitanti del luogo. Una serie di controlli precisi ricadevano in capo all’Azienda Sanitaria Locale che doveva determinare il rispetto delle norme igienico sanitarie anche per i lavoratori impiegati nella struttura.

L’intera procedura doveva essere portata a termine nel limite massimo di sessanta giorni dalla data di ricezione della domanda.

Alcune cose sono, però, cambiate nel 2001 quando la concessione edilizia è stata sostituita dal “Permesso di Costruire“.

Dalla concessione edilizia al ‘Permesso di costruire’: ecco cosa cambia

Al pari della concessione edilizia anche il Permesso di costruire è una procedura regolata dall’ente comunale e che prevede la realizzazione di opere in una determinata area del territorio. Ad essere oggetto del permesso sono solo i lavori di nuova costruzione o gli interventi di urbanistica o edilizia.

Nel caso della ristrutturazione è utile tenere presente che si tratta di interventi che modificano la volumetria della struttura oppure la destinazione d’uso degli immobili, ma solo ne caso in cui la casa sia collocata in un centro storico (zone omogenee A). Insomma una casistica ben precisa come precisa è la domanda da presentare.

Permesso di costruire: come presentare la richiesta

La domanda va consegnata, corredata dalla documentazione necessaria, agli uffici del comune preposti. Il titolo di legittimazione è la più importante certificazione da esibire. Si tratta, in sostanza, di un copia dell’atto notarile, un atto dovuto per il quale rimandiamo all’apposita guida su come abbattere i costi. Sono da presentare, inoltre i progetti, oltre ad una specifica dichiarazione di un professionista del settore (ingegnere, geometra o architetto) che attesti la correttezza del progetto, il rispetto della normative edilizie oltre alle leggi che regolano la sismicità, la sicurezza, le caratteristiche igienico sanitarie e il grado di efficienza energetica dell’immobile.

Nel caso in cui i beni siano sottoposti ad una particolare tutela, è necessario presentare anche l’autorizzazione dell’ente preposto, al pari dell’autorizzazione paesaggistica. Il tutto deve essere corredato dalla relativa documentazione richiesta dalle norme del comune come la carta d’identità, i diritti di segreteria ecc.

A questo punto l’ente comunale ha dieci giorni di tempo per predisporre un impiegato che si prenderà in carico l’intero procedimento. Il responsabile ha due mesi per autorizzare le opere o negarne la realizzazione. E’ importante tenere presenti i termini temporali indicati. Al termine di tali scadenze, infatti, si realizza il cosiddetto silenzio assenso. In questo caso il permesso sarà come rilasciato.

Insomma un procedimento molto lungo, ma che può essere in parte evitato attraverso un’altra formula molto utilizzata in questo ambito. Si tratta della DIA, la Denuncia di Inizio Attività. Si tratta di una procedura molto più “snella”, ma applicabile solo per alcune attività.

La ristrutturazione edilizia, anche in grado di comportare significative variazioni delle volumetria dell’edificio, i lavori di nuova costruzione o ristrutturazione urbanistica se disciplinati da specifici piani attuativi decisi dall’amministrazione comunale, possono rientrare negli interventi per cui è possibile adottare questa formula.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16