Contributo IVS: tutte le aliquote previste per le diverse categorie professionali

L’IVS è una contribuzione che ogni lavoratore deve corrispondere all’INPS per l’assicurazione contro la vecchiaia e l’invalidità. Viene versata dai dipendenti attraverso la trattenuta effettuata sulla busta paga. In cambio l’Istituto corrisponde le prestazioni in caso di inabilità del lavoratore, per sopraggiunta anzianità o, alla famiglia, per la morte.

Il contributo IVS dipende da molteplici fattori. Un elemento determinante è il reddito di fascia, quello massimo e minimo nei determinati periodi di imposta: fattori che vengono calcolati dall’INPS.

Il pagamento dell’IVS spetta ai dipendenti del settore privato ed alla categoria degli apprendisti. A questi si aggiungono i collaboratori autonomi, purché iscritti alla Gestione Separata, gli operatori del commercio, gli artigiani, i lavoratori dello spettacolo, i giornalisti iscritti all’Albo e i coltivatori diretti. Per quanto riguarda quest’ultima categoria è indispensabile tenere presente che i dipendenti corrispondono quanto dovuto attraverso la “classica” trattenuta mentre per i lavoratori autonomi, il pagamento avviene attraverso il modello F24.

Contributo IVS, le aliquote per i dipendenti privati

L’obbligo di versare il contributo IVS spetta sia ai lavoratori con un contratto a tempo indeterminato che determinato. L’aliquota prefissata dall’Istituto è pari a 32,87% per i dipendenti mentre di passa al 27,87% per i lavoratori non operanti nel settore ed autorizzati alla prosecuzione volontaria con una decorrenza compresa oltre il 31 dicembre del 1995.

La retribuzione minima stabilita è pari a 200,76 euro ogni settimana. L’applicazione dell’aliquota aggiuntiva, pari all’1% della retribuzione, è prevista per i lavoratori con un reddito superiore a 46.123 euro.

Le altre categorie di lavoratori privati

Le eccezioni riguardano, come accennato in precedenza, i coloni, i mezzadri, i coltivatori diretti e gli imprenditori del settore agricolo. Per queste categorie l’aliquota IVS applicata varia a seconda di elementi ben precisi. L’ubicazione dell’attività agricola è uno dei fattori principali: nel caso in cui l’azienda sia collocata in un’area montana o caratterizzata da particolati condizioni di difficoltà, il contributo IVS viene applicato in misura ridotta.

Un altro elemento da tenere presente è la “fascia di reddito” dell’impresa. Le fasce sono quattro: la minima fino ad un massimo di 232, 40 euro, la seconda compresa tra un minimo di 323,41 ad un massimo di 1.032,91 euro mentre la terza da 1.032,91 fino a 2.324,05 euro. L’ultima fascia va da 2.324.05 in poi. 

Il valore dell’aliquota deve essere corrisposta, dal datore di lavoro, per una quota pari al 28.50% e dell’8,84% a carico dello stesso lavoratore. 

Gli artigiani e i commercianti

Per questa particolare categoria di lavoratore il contributo IVS deve essere versato sia per i datori di lavoro che per i dipendenti, anche se componenti del nucleo familiare, purché impegnati nell’attività aziendale in maniera “continuativa e prevalente”. 

Lo stesso per i familiari compresi fino al terzo grado di parentela o affini fino al secondo. L’obbligo del versamento dei contributi IVS ricade anche per i soci delle SAS, ovvero delle Società in Accomandita Semplice, quelle a socio unico o le SRL.

In questo caso l’ammontare del versamento dipende dai dati della dichiarazione dei redditi e deve essere comunque compresa entro un valore, massimo e minimo, applicato dall’INPS.

Anche l’età del lavoratore è un fattore fondamentale. E’ del 23,10% il contributo da versare per un lavoratore dell’artigianato con un’età superiore a 21 anni mentre si passa al 23,19% per un operatore, con un’età inferiore allo stesso limite, del settore del commercio.

Se il lavoratore ha un’età al di sotto di tale limite, la contribuzione scende al 20,10% per gli artigiani ed al 20,19% per i commercianti.

Per quanto riguarda la Gestione Separata, il contributo IVS varia a seconda della categoria professionale, oltre al contratto. E’ del 31% l’aliquota prevista per i collaboratori occasionali, con un contratto a progetto e non iscritti in altre forme previdenziali. Alla quota va aggiunto lo 0,72% destinato alla maternità, la malattia o per gli assegni familiari. Si passa al 24% se il lavoratore è iscritto ad altre formule previdenziali. Il datore di lavoro deve versare i due terzi del totale, il resta spetta al datore di lavoro.

Per quanto riguarda gli autonomi, il contributo IVS è completamente a carico del lavoratore. L’aliquota è stabilita al 27% più lo 0,72% per il congedo parentale, la maternità, gli assegni familiari e la malattia.

 

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23