TAN: Come si calcola ed a cosa serve

Il TAN ,ovvero Tasso di Interesse Nominale,  è il tasso di interesse puro che si applica a un finanziamento: rappresenta l’interesse annuo calcolato sul prestito, cioè la somma in più che va riconosciuta al finanziatore al termine dell’anno maturata sull’importo erogato. Bisogna però precisare che nei normali piani di ammortamento di prestiti e mutui l’interesse non viene pagato in un’unica soluzione a fine anno, ma viene ripartito su ogni rata in scadenza. In particolare, nei piani di ammortamento alla francese, la quota interesse viene restituita con la rata all’ inizio del periodo di rimborso è superiore a quella della quota capitale, diminuendo dopo ogni rata. Nelle ultime rate, invece, si rimborsa quasi esclusivamente soltanto la quota capitale del prestito o del mutuo contratto.

Come calcolare la ripartizione della quota in un ammortamento alla francese

La ripartizione delle quote interesse e capitale con ammortamento alla francese fa sì che il tasso effettivo di interesse non coincida con il tasso di interesse nominale, e anzi risulti in realtà superiore: ad esempio, un prestito al tasso annuo nominale del 20% garantirebbe un tasso effettivo del 20% solo se il saldo degli interessi avvenisse con un solo pagamento a fine anno. In caso di rimborso rateale degli interessi, il tasso effettivo supera il TAN: ad esempio, in caso di rateizzazione mensile del prestito di cui sopra il tasso d’interesse effettivo sarebbe del 22% e non del 20%.

Il calcolo del TAN in formule

Da un punto di vista matematico il calcolo del TAN può essere espresso nel seguente modo:

Jk = ik*K; dove Jk esprime il TAN, ik il tasso d’interesse effettivo periodale e K il numero di capitalizzazioni per anno.

Con tale formula sarà possibile calcolare il TAN per qualsiasi periodo di durata abbia un finanziamento.

Ad esempio un costo di 50 Euro su un finanziamento di 1.000 Euro rimborsato dopo un anno vuol dire pagare il 5%. Ciò corrisponde al Tasso Annuo Nominale (T.A.N.) del prestito.

Tuttavia le rate del mutuo sappiamo bene che non si pagano annualmente, ma solitamente sono mensili trimestrali o semestrali. Per questo esiste il tasso effettivo, ovvero il costo della rata coi relativi tassi d’interesse rincarati.

Se consideriamo un prestito al Tasso Nominale del 5% annuo. Se il pagamento avviene semestralmente (2 rate all’ anno) il Tasso Effettivo sarà pari al 5,06%. Con il pagamento mensile (12 rate annue) ammonterà al 5,12%. Invece un Tasso Nominale del 20%, regolato con pagamento mensile aumenterà fino al 21,9%, con una differenza di quasi due punti rispetto al Tasso Nominale.

Un approfondimento: il finanziamento a Tasso Zero esiste davvero?

Relativamente al TAN è molto importante sottolineare come negli ultimi tempi si siano diffuse formule di finanziamento promozionali per invogliare i clienti ad acquistare a rate. Queste promozioni vengono annunciate come finanziamenti a tasso ZERO.

Ad esempio, se si acquista un’automobile a 12.000 euro in 4 anni a interessi zero, approfittando di questo fattore potremmo pagare 48 rate mensili a 250 euro al mese (250×48=12000), per una somma totale identico al finanziamento stesso.
Questo, in un mondo ideale dove tutto proceda secondo quanto vorrebbe aspettarsi il contraente del finanziamento.

Dove può essere il trucco? È molto semplice: oltre al TAN, esiste anche il TAEG, che, come descritto nella guida sul Tasso Annuo Effettivo Globale, indica il costo reale del finanziamento e che non è necessariamente pari anch’esso a zero nei finanziamenti indicati come a tasso zero. Il TAEG infatti è costituito da costi aggiuntivi relativi al prestito, sebbene non indicativi di interessi, ma si tratta in ogni caso di ulteriori spese accessorie come ad esempio quelle che possono riguardare incasso di rate, assicurazioni obbligatorie, spese di avvio delle pratiche, che possono essere fatte gravare direttamente su chi acquista il bene, in tutto o in parte. Quindi, se gli interessi sono effettivamente zero, non è detto che non ci siano ulteriori costi rilevati indicati dal TAEG, in quanto trattasi di spese accessorie e non di interessi. Le spese di istruttoria pratica possono arrivare anche al 5% del costo del bene in vendita.

Valutiamo attentamente tali promozioni, perché quasi mai si hanno  interessi zero allo stato puro, tranne che in specifiche formula di mutuo spiegate in questo articolo. Il prestito comporta sempre dei costi, che spesso i venditori  fanno pagare ai propri clienti in modo non sempre trasparente.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16