Differenza tra TAEG e TAN

TAEG e TAN sono due valori indispensabili per comprendere, con esattezza, il peso delle rate del proprio contratto di mutuo. Con il termine TAN si intende il Tasso Annuo Nominale, un valore che indica esclusivamente il tasso di interesse puro calcolato in percentuale su base annua. Con la sigla TAEG, invece, si intende il “Tasso Annuo Effettivo Globale” (ecco un articolo a proposito) corrispondente alla somma dei costi complessivi applicati sul finanziamento: una sorta di addizione tra il TAN più le spese accessorie previste nel contratto.

Si tratta di due voci che, sempre più spesso, vengono nominati nei vari spot pubblicitari. Messaggi promozionali in cui i termini vengono indicati per mostrare l’effettiva convenienza di un contratto di mutuo. Ma non sempre il messaggio che gli spot vogliono trasmettere è coerente con la realtà dei fatti. 

Il TAN, in realtà, è un indicatore non esaustivo per comprendere il costo di un mutuo. Si tratta, in sostanza, di un valore che indica l‘interesse annuo che si applica ad un finanziamento e che viene pagato mensilmente con le rate. Gli interessi, quindi, non vengono corrisposti in un’unica soluzione annuale, ma mensilmente. Se, ad esempio, il mutuatario deve pagare una rata del mutuo ogni tre mesi con il 3% di tasso, il valore del TAM ammonta al 12% poiché il pagamento avviene quattro volte ogni anno.

Il TAN, inoltre, non prende in considerazione aspetti essenziali in un contratto di mutuo come le spese accessorie oltre alle varie polizze assicurative (eccone il funzionamento) che spesso vengono richieste all’accensione di un contratto di mutuo o di prestito.

Con il termine TAEG si indica un valore, invece, che prende in considerazione il tasso di interesse di un contratto di finanziamento oltre alle varie spese accessorie che si sommano alla stipula del contratto di mutuo, comprese le assicurazioni.

Un indice che comprende l’intero ammontare delle spese, quello del TAEG. In sostanza con questo valore si indica la differenza tra la somma che il mutuatario ha ricevuto dalla banca e quella che dovrà restituire attraverso le rate mensili. Proprio per questo motivo effettuare un raffronto tra i valori di TAEG tra due contratti di finanziamento è essenziale per comprendere quale, tra i due, risulti più conveniente per il mutuatario. Per verificare il peso delle spese accessorie di un contratto di mutuo, invece, è indispensabile confrontare il TAEG ed il TAN. 

Il valore del TAEG è concordato nel momento della stipula del mutuo. Si tratta di un aspetto fondamentale che può essere modificato nel solo caso in cui sia espressamente previsto nel contratto sottoscritto. I valori massimi del TAEG sono indicati dalla Banca d’Italia nelle tabelle dei “tassi antiusura“, cioè i tetti massimi che gli istituti di crediti possono stabilire sui finanziamenti accordati.

Conclusioni  e consigli da valutare attentamente

Uno degli aspetti da tenere presente, al momento della firma di un contratto, è la differenza tra il tasso iniziale e quello considerato di regime. Una difformità sostanziale caratterizza i due valori che intervengono in due momenti differenti del mutuo. Nella sottoscrizione del contratto è quindi indispensabile informarsi su eventuali differenze tra i tassi applicati nel primo periodo del mutuo, rispetto al restante.

I tassi iniziali, in molte occasioni, sono notevolmente inferiori ingannando il mutuatario sul peso effettivo delle rate da corrispondere che cresceranno con il passare dei mesi. Ma come si fa per evitare brutte sorprese?

Richiedere il piano di ammortamento (ecco come calcolarlo) è l’unico modo per avere un prospetto chiaro e preciso dei tassi di interesse applicati nei vari periodi di pagamento del mutuo. In questo documento sono indicati, con estrema precisione, la consistenza delle rate da pagare, la composizione del capitale da corrispondere alla banca, con le relative scadenze oltre alla presenza, o meno, di piani di pagamento iniziali e successivi.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16