Calcolo TAEG

Come si calcola il TAEG e qual è il suo utilizzo

Con il termine TAEG si intende il tasso annuo effettivo globale che indica il costo reale di un contratto di finanziamento. Si tratta, in pratica, di una voce che racchiude un insieme molto vasto di spese che accompagnano ogni contratto di mutuo o prestito. Una termine che permette di comprendere l’insieme del peso dei vari balzelli che si aggiungono alla rata da pagare mensilmente.

Sono tante gli elementi di costo che incidono pesantemente su un contratto di mutuo. Dalle spese accessorie, a quelle di commissione fino alle assicurazioni che obbligatoriamente accompagnano i finanziamenti, i costi di un mutuo sono davvero tanti e suddivisi in voci disparate e non sempre comprensibili. Ed è proprio per rendere maggiormente chiaro il costo reale del contratto di mutuo che viene utilizzato il TAEG; un valore che, in alcuni casi, può essere indicato anche semplicemente con la voce ISC.

Nel caso di un finanziamento che, a titolo di esempio, equivale ad un importo pari a 100mila euro con un TAN che ammonta al 5%, ed un TAEG pari al 6% i costi saranno di mille euro in più ogni anno con un ammontare di seimila euro di spese accessorie e di interessi solo il primo anno; una somma che, in totale equivale a ben sei punti percentuali del capitale totale. Ecco le differenze tra i due valori. 

Nel secondo anno, invece, la somma da corrispondere sarà leggermente inferiore ai seimila euro per il semplice motivo che il TAEG viene calcolato sulla somma del capitale che rimane da pagare che, nel secondo anno, sarà leggermente inferiore.

I valori da valutare sono quindi due TAEG e TAN. E’ chiaro che il TAEG sarà sempre superiore o almeno uguale al TAN per il semplice motivo che tra le voci che prende in considerazione il Tasso Annuo Effettivo Globale è presente anche il TAN.

Controllare il TAEG è quindi l’unico modo per conoscere, con precisione, il costo reale degli interessi e delle spese sul contratto di mutuo o di prestito. Ed è proprio il TAEG che rappresenta l’unico strumento che permette di paragonare un contratto di mutuo rispetto ad un altro valutando la reale convenienza di una proposta rispetto a quelle presenti sul mercato.

Ma il paragone tra i contratti di mutuo e di finanziamento non è l’unico elemento che rende la valutazione del TAEG indispensabile. Osservare con esattezza questa voce di costo consente di evitare brutte sorprese al momento della stipula del contratto di mutuo. Molto spesso, infatti, vengono proposti finanziamenti descritti come allettanti per il valore del TAN pari allo 0%.

Un affare? Non proprio. Basta controllare il valore del TAEG per comprendere che quello appena proposto non è altro che un inganno. A TAN azzerati corrispondono, molto spesso, valori di TAEG anche superiori a dieci punti percentuali. 

Il calcolo del TAEG

Calcolare il TAEG consiste nel trovare la differenza tra la somma che il mutuatario riceve dalla banca e quella che dovrà restituire alla scadenza del contratto. Una serie di spese accessorie che si sommano al tasso di interesse effettivo applicato sul prestito.

Come detto in precedenza nella voce del TAEG vengono comprese tutte le spese obbligatorie al momento della sottoscrizione dell’istruttoria, quelle di incasso, le assicurazione, i vari bolli statali mentre non vengono indicati nella voce le polizze assicurative non considerate obbligatorie.

Sono tanti gli strumenti che, anche in rete, permettono un calcolo preciso del TAEG utilizzando i vari parametri del contratto di mutuo. Gli elementi da tenere in considerazione sono l’ammontare del prestito, la durata espressa in mesi, l’importo, la frequenza di pagamento delle rate e le spese iniziali.

Considerazioni  finali

Calcolare il TAEG è un passaggio fondamentale per valutare le reali condizioni di un contratto di mutuo o di un prestito e paragonare le varie offerte presenti in rete. Ma è la previsione delle spese future ad essere il vantaggio principale per un utente che, alla lettura del contratto, riesce a prevedere, con esattezza, il peso delle rate da pagare evitando brutte sorprese in futuro. Per i passaggi da effettuare prima della stipula del mutuo vi rimandiamo a questo articolo.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16