Prestiti per disoccupati

I prestiti migliori per chi non ha un lavoro

Con la crisi economica che ha colpito le economie occidentali dal 2008 ottenere un prestito è sempre più difficile. Il ”credit crunch”, ovvero la stretta creditizia, stenta ad allentarsi in Italia, paese in cui il settore bancario non attraversa un buono stato di salute. E a pagare le spese di una condizione di evidente difficoltà sono innanzitutto le categorie impossibilitate a fornire sufficienti garanzie come i disoccupati, gli studenti, i lavoratori con contratto a termine o irregolare, gli autonomi e i dipendenti con busta paga già impegnata. Ma ottenere un prestito per disoccupati è ancora possibile, vediamo come.

Prestiti per disoccupati: come ottenerlo

Una particolare categoria di finanziamenti si è fatta largo, negli ultimi anni: il prestito senza busta paga. Si tratta di una particolare tipologia di finanziamento per i quali gli istituti di credito richiedono delle garanzie alternative al classico stipendio.

Per ottenere un finanziamento è, dunque, necessario dimostrare di essere in grado di assicurare l’istituto si credito sulla propria capacità di restituire quanto ricevuto. Le soluzioni sono diverse ed in grado di venire incontro a tutte le esigenze del cliente.

Prestiti per disoccupati: il finanziamento con un garante

E’ una delle soluzioni maggiormente adottate dai disoccupati. In questo caso alle due figure ”classiche” coinvolte nella sottoscrizione di un prestito si aggiunge una terza: il fideiussore o garante (leggi anche la guida sulla garanzia personale). Si tratta di una persona che si impegna, in via ufficiale, nel pagamento delle rate, nel caso in cui il firmatario del contratto non sia in grado.

Naturalmente anche al fideiussore sono richieste specifiche garanzie ed una significativa affidabilità creditizia. Saranno tanti i fattori oggetto dei controlli dalla banca riguardo il garante, tra cui l’eventuale segnalazione nella banca dati del Crif come cattivo pagatore ed il possesso di un immobile o di beni che possano rappresentare una garanzia sufficiente. 

Prestiti con ipoteca sulla casa

Ed è proprio l’immobile a poter rappresentare, in alcuni casi, una garanzia sufficiente, anche per i prestiti per disoccupati. Attraverso l’ipoteca sulla casa di proprietà anche una persona sprovvista di busta paga può accedere ad un prestito. Ma quella dei prestiti con ipoteca può essere una soluzione adatta solo in determinate condizioni.

E’ davvero difficile che un istituto di credito sia disposto ad accettare un immobile come garanzia per prestiti di piccola entità. Essendo il valore della casa largamente superiore alla somma, l’ipoteca sarebbe parziale e la procedura per il recupero del debito risulterebbe eccessivamente difficoltosa.

Altre alternative

Chi ha un’età superiore ai sessantacinque anni, invece, può optare per la formula del prestito ipotecario vitalizio. In questo caso l’immobile si trasformerà in liquidità immediatamente disponibile. Al decesso del cliente saranno gli eredi a dover restituire la somma.

Un altro strumento da prendere in considerazione è il prestito cambializzato. In questo caso il pagamento delle rate avviene in cambiali, un titolo considerato ”esecutivo” e che consente all’istituto di credito di pignorare i beni del cliente per un ammontare pari alla somma non versata. Il tutto avviene senza un decreto ingiuntivo o un’apposita sentenza.

In altri casi è possibile accedere ad un finanziamento offrendo in garanzia degli oggetti di notevole valore come i gioielli, pietre preziose o qualsiasi altro bene che possa essere messo in pegno. Lo stesso vale per le rendite.

Prestiti per disoccupati: pro e contro

Come abbiamo visto le soluzioni tra cui è possibile scegliere sono davvero tante. C’è da tenere presente, però, che i costi di questi finanziamenti sono, in media, notevolmente superiori alla media. L’istituto di credito che concede un prestito per disoccupati va incontro ad un rischio di insolvenza maggiore e pertanto, per tutelarsi, applica tassi superiori.

Il Taeg (leggi di cosa si tratta in questa guida), in questa particolare condizione caso, raggiunge spesso anche i dodici punti percentuali. Insomma una scelta da valutare con attenzione.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16