Prestiti auto nuova o usata: requisiti, costi e garanzie richieste

Prestiti auto

Acquistare un’auto nuova può rappresentare una spesa insostenibile per i ristretti bilanci della famiglie italiane. In questo caso potrebbe essere utile sottoscrivere un prestito auto, una particolare tipologia di finanziamento tesa a garantire la somma necessarie per acquistare un’auto nuova.

Si tratta di un prestito finalizzato, un finanziamento che le finanziarie dedicano specificatamente per un determinato scopo, in questo caso l’acquisto, appunto, di un’auto. Ma come funziona il prestito auto? Conviene davvero sottoscriverlo per l’acquisto di una nuova autovettura. In questa guida ci soffermeremo sulle caratteristiche dei prestiti per l’acquisto delle auto, le condizioni offerte dalle varie compagnie del settore e gli interessi che, in media, vengono applicati.

Prestiti auto:caratteristiche e condizioni

Il prestito auto è un finanziamento attraverso il quale l’istituto di credito garantisce agli utenti la liquidità necessaria per comprare un’automobile. Sono tante le condizioni che possono essere applicate dalle finanziarie in un mercato molto ampio. Il tasso di interesse, di solito, è fisso con un piano di ammortamento composto da rate costanti e predeterminato alla sottoscrizione del contratto.

Spesso il finanziamento può prevedere un periodo iniziale di preammortamento, durante il quale l’utente non deve pagare le rate.

In pratica il prestito si basa su particolari convenzioni che la banca o le finanziarie sottoscrivono con le varie concessionarie. Queste ultime provvedono ad assistere il cliente nella richiesta del prestito indirizzandole all’ente finanziatore con il quale hanno sottoscritto l’accordo. Sarà quest’ultimo a decidere o meno di concedere la somma valutando le garanzie offerte.

La somma erogata dai prestiti auto coprono una quota compresa tra l’80% e l’85% del valore della vettura, anche se non è raro trovare finanziarie in grado di garantire il 100% del costo. In genere l’importo massimo erogato è di 35 mila euro, da rateizzare in rate dalla durata variabile.

Le tipologie di erogazione sono due: la liquidità concessa dall’istituto di credito ed utilizzabile dal cliente come meglio crede, con l’acquisto dell’auto e per la copertura di eventuali spese. Si tratta di una formula particolarmente utile quando si acquista un’auto presso un privato.

Poi ci sono i prestiti finalizzati che consentono di ottenere la somma utilizzabile specificatamente per l’acquisto dell’auto.

Prestiti auto nuove ed usate

Anche l’acquisto di un’auto usata può essere oggetto di un prestito. In questo caso il limite di finanziabilità viene deciso dai listini Eurotax, il valore di riferimento per i costruttori in Europa dedicato alla valutazione delle auto usate nel Vecchio Continente.

Il piano di ammortamento per il pagamento del prestito è comunque inferiore rispetto al classico finanziamento sottoscritto per l’acquisto di un’auto nuova. In ogni caso le soglie minime rendono i prestiti per le auto poco vantaggiosi se prevedono un importo minimo.

Le garanzie

Le garanzie per ottenere un prestito auto non si differenziano da quelle necessarie per un contratto di mutuo per l’acquisto della casa. Naturalmente le condizioni si presentano come meno restrittive rispetto ai finanziamenti ipotecari non prevedendo garanzie reali.

In caso di condizioni di particolare difficoltà lavorativa del richiedente o di un contratto lavorativo iniziato da poco l’istituto di credito potrebbe richiedere la presenza di un garante, una persona che possa garantire il corretto pagamento delle rate in caso di difficoltà del richiedente.

Prestiti auto a tasso zero

Esistono i prestiti auto a tasso zero? In realtà i tanto reclamati finanziamenti a tasso zero prevedono un TAN nullo, ma non il TAEG (leggi in questa guida le differenze tra TAEG e TAN). Solo il TAEG rappresenta realmente il valore dei costi applicati alle rate del finanziamento.

Si tratta di un valore che comprende le spese di incasso della rata, il bollo e magari le polizze da affiancare al prestito. Insomma anche se il TAN è uguale a zero, il TAEG potrebbe avere un certo peso.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16