Anatocismo bancario: cos’è, quando si applica e come agire di conseguenza

Un termine proveniente dall’antica lingua greca, ma più che mai attuale nel settore economico e finanziario. Si tratta dell’anatocismo. Un’espressione che si compone di due parti: ana cioè “sopra” e tokismos cioè “usura”. Insomma un termine dall’accezione non proprio positiva, ma che si riferisce ad una pratica molto utilizzata in ambito economico.

Nel linguaggio più strettamente bancario con anatocismo si intende la produzione di interessi su altri interessi non pagati, ma resi produttivi. In altri termini la procedura dell’anatocismo porta il debitore al pagamento di ulteriori interessi oltre a quelli sul capitale già stabiliti. Si tratta di una prassi che comporta un aumento drammatico del debito totale contratto: una situazione che può diventare particolarmente insostenibile in presenza di tassi elevati.

Per comprendere al meglio il meccanismo è utile realizzare un esempio. Poniamo di chiedere ad una banca o, ad una qualsiasi società finanziaria, la somma di 10mila euro. La restituzione di quanto ricevuto è prevista dopo un anno dalla sottoscrizione del contratto con un tasso di interesse del 10%. Nel caso in cui la somma venga erogata il primo di gennaio, l’importo da restituire alla fine dell’anno ammonta a 10mila euro più i mille di interessi previsti.

Ora prendiamo in considerazione l’eventualità che l’istituto di credito erogante decida di applicare l’anatocismo e consideriamo, inoltre, un’applicazione semestrale dello stesso.  Il calcolo degli interessi applicati, in questi sei mesi, è pari a 500 euro. Se la valutazione avviene nel mese di luglio, l’ammontare previsto è di 10500 euro. Nulla di strano visto che, come detto, la somma prevista per fine anno è pari ad 11.000 euro. Ma è nella seconda metà dell’anno che, con il nuovo calcolo degli interessi sul capitale di 10.500, l’ammontare da corrispondere all’istituto di credito cresce a 10.525 euro.

È la somma di venticinque euro a rappresentare l’anatocismo visto che il calcolo è stato effettuato su un capitale su cui erano già applicati degli interessi. Una valutazione degli interessi su interessi, come detto in precedenza che, in questo caso, ha portato ad aumento del debito di venticinque euro.

L’aggravio, naturalmente, cresce ulteriormente nel caso in cui il calcolo venga effettuato dall’istituto di credito per il periodo trimestrale. In questo caso avremo 38 euro.

Anatocismo Bancario: quando si applica

L’applicazione dell’anatocismo può essere ricorrente soprattutto nell’ambito creditizio. In molti casi, infatti, sono le banche ad applicarlo sui “conti in rosso”. In questo caso, il calcolo degli interessi avviene a cadenza trimestrale aumentando gli interessi passivi da corrispondere e naturalmente il debito complessivo. 

L’anatocismo bancario è un fenomeno messo in campo fino a pochi anni fa da molti istituti di credito. Erano le banche che liquidavano gli interessi con cadenza trimestrale ad applicarlo. Si trattava di un fenomeno davvero odioso soprattutto se abbinato al fatto che gli interessi attivi venivano liquidati, invece, a cadenza annuale. Insomma un modus operandi tanto scorretto quanto diffuso. Ma cosa dice le legge in merito?

Anatocismo bancario: cosa prevede la legge

Una regolamentazione sul tema è, in realtà, sempre esistita. L’anatocismo è infatti vietato dalla legge 1283 del Codice Civile. Nonostante una legislazione quanto mai chiara, le banche hanno spesso agito in senso opposto applicando l’anatocismo soprattutto sugli interessi passivi dei conti correnti (per maggiori informazioni vedi anche usura bancaria).

Il fenomeno era alimentato dalla poca attenzione della Giurisprudenza in merito; un comportamento rimasto tale per alcuni anni. Ma una sentenza della Corte di Cassazione, datata 2004, ha previsto sanzioni più stringenti per il settore. Un’ulteriore regolamentazione era stata fissata, in realtà, nel 1999 con un Decreto Legislativo che aveva stabilito la stessa periodicità per gli interessi attivi e passivi. E’ importante tenere presente, inoltre, che anche l’applicazione dell’anatocismo “pregresso” cioè realizzato dalle banche prima delle leggi prima elencate, può essere rimborsato. Può essere utile, in alcuni casi, informarsi sui servizi offerti da organizzazioni come Difesa Debitori. 

 

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31
conto deposito regalo
Le banche a favore dei clienti: ecco il conto deposito regalo
2019-10-30
conto deposito HSBC
Tutte le caratteristiche del conto deposito HSBC: quanto conviene aprirlo?
2019-10-29
kappa
Come aprire un franchising kappa anche nella tua città
2019-10-29
Perchè scegliere di affittare elicottero
Perchè scegliere di affittare elicottero: costi e caratteristiche
2019-10-21
Carta prepagata Krystal Plus
Carta prepagata Krystal Plus, luci ed ombre dell’offerta MPS
2019-10-28
Affittare idropulitrice
Affittare idropulitrice: convenienza e caratteristiche
2019-10-28
Carte di credito bilaterali
Carte di credito bilaterali: un prodotto molto conveniente ma con limitazioni
2019-10-27
Carte prepagate con numeri in rilievo
Carte prepagate con numeri in rilievo, vediamo le caratteristiche
2019-10-26
Le carte prepagate Popso
Le carte prepagate Popso: un valido strumento per la vita di ogni giorno
2019-10-26
Carte prepagate Giappone
Carte prepagate Giappone, vediamo quali e dove possiamo usarle
2019-10-25
Carte prepagate epipoli
Carte prepagate epipoli: una soluzione comoda per tutti
2019-10-24
Carte prepagate Biverbanca
Carte prepagate Biverbanca: tutte le opportunità nella tua tasca!
2019-10-23
carta cariparma
Carte di credito Cariparma adatte a tutte le esigenze
2019-10-22
mutuo alla francese
Mutuo alla francese: cos’è, come funziona, quando sceglierlo
2019-06-25
Carte di credito
Differenze carte di credito e debito
2019-10-16