ESIS Prospetto Informativo Standardizzato

Come leggere e comprendere i punti del Prospetto Informativo Standardizzato

Indicare le condizioni previste nel contratto di mutuo in un prospetto che ne faciliti la valutazione e la comparazione con le altre proposte sul mercato. Sono le novità introdotte dalla normativa UE attraverso il Codice di Condotta Europea per i Mutui Casa. Una serie di adempimenti precisi vengono previsti nel codice anche se l’adesione, da parte degli istituti di credito, è volontaria.

Il Prospetto Informativo Europeo Standardizzato, riassunto nell’acronimo ESIS, è uno dei principali obblighi che la stragrande maggioranza delle banche europee hanno sottoscritto. Il tipo di presentazione unificata consente agli utenti di leggere con facilità le varie voci di costo ed, in generale, le condizioni previste dalla banca. 

ESIS: come si compone il prospetto

Sono quindici le voci che formano il prospetto ESIS. Il primo fattore che viene riportato è il nome dell’istituto di credito che eroga il finanziamento. Nella voce 2, invece, la banca stessa deve riportare una descrizione della tipologia di prodotto offerto. In sostanza viene indicata la formula contrattuale applicata oltre alla quota dell’immobile ipotecata nel mutuo.

Di fondamentale importanza è la terza voce che indica il Tasso Nominale di Interesse. Si tratta di una voce essenziale in quanto riporta la natura del tasso applicato dall’istituto di credito e la presenza di un eventuale tetto massimo nella valutazione degli stessi: i cosiddetti mutui a tetto massimo). Anche eventuali “blocchi” temporanei nella variazione dei tassi vengono trascritti nel prospetto ESIS.

Il quarto punto prende in considerazione un fattore importante: il TAEG. Si tratta del Tasso Annuo Effettivo Globale e, come spiegato in questo articolo, consente di conoscere tutti i costi, anche secondari, applicati sul contratto di mutuo.

L’importo richiesto compone, invece, il quinto punto mentre la voce successiva mostra la durata effettiva del contratto con l’indicazione del piano di ammortamento, cioè il periodo nel quale vengono corrisposte le rate mensili. Il settimo spazio, riportato nell’ESIS, è dedicato al numero dei versamenti previsti nel contratto oltre alla frequenza. Nell’ottava area, invece, è l’importo delle rate ad essere riportato.

Lo spazio nove è invece dedicato ad una speciale formula di mutuo non molto utilizzata in Italia. Si tratta di finanziamenti che vengono ripagati attraverso piani di accumulo collegati ad una polizza assicurativa. In questo caso sono riportate le somme destinate al pagamento per gli interessi e per l’accumulo maturato.

I costi iniziali e successivi nel prospetto ESIS

Due voci di spesa sono, invece, previste nel decimo e nell’undicesimo punto. Nel primo caso si tratta dei costi previsti per l’apertura del mutuo. Si tratta delle spese di pratica applicati nella fase iniziale di sottoscrizione o i costi previsti per determinati servizi della banca.

Le altre voci di spesa che, invece, si presentano nella fase successiva del pagamento del mutuo sono, invece, mostrate nella voce seguente, quella indicata con il numero 11. Si tratta di spese “accessorie ricorrenti” che vengono corrisposte durante la normale durata del mutuo. Sono costi che, come quelli relativi all’incasso della rata, vengono applicati su ogni trance di pagamento. Stesso discorso anche per quanto riguarda l’assicurazione per l’incendio o lo scoppio della casa, spesso previste dalla banca erogante.

Nella voce successiva vengono, invece, riportate le condizioni dell’estinzione anticipata del contratto o di restituzione anticipata e le eventuali penali che potrebbero essere applicate.  Al margine del prospetto ERIS è scritto il numero dell’Ufficio Reclami ed ulteriori dettagli riguardo il piano di ammortamento. Nell’ultima voce dell’ESIS è riportata l’indicazione dell’eventuale obbligo di domiciliazione cioè se è obbligatoria l’apertura di un conto corrente nella banca mutuante.

E’ indispensabile tenere presente che non tutte le voci, presenti nel prospetto, sono di facile comprensione. L’impiegato della banca è perciò tenuto a fornire tutte le spiegazioni, punto per punto, ai clienti.

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

FTX-Crypto
Non lasciate che il fiasco di FTX Crypto vi spaventi e vi allontani dal Bitcoin
2022-11-14
chi può richiedere un prestito personale?
Chi può richiedere un prestito personale?
2022-11-11
Poste italiane buoni fruttiferi 2022: le caratteristiche del ‘risparmio assicurato’ di Poste
2022-11-09
BPM Banking: accesso e caratteristiche della piattaforma BPM
2022-11-10
Trovare lavoro con i concorsi pubblici è possibile: ecco come fare
2022-10-19
Come funzionano gli straordinari e come vengono pagati
2022-10-14
Con l’Offerta Zero Spese si evitano brutte sorprese
2022-09-16
L’alternativa fra la carta di credito e un prestito personale
2022-07-25
contratti di lavoro
Tipologie di contratti di lavoro: la guida completa
2022-06-04
Visual Marketing: cos’è e perché è così importante
2020-05-02
Vendere l’oro di casa: che cosa è necessario sapere
2022-03-28
Surroga-del-mutuo
Surroga del mutuo: quante volte si può fare richiesta
2022-02-18
Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31