ISC – Indice Sintetico di Costo

Come si calcola ISC

Conoscere tutti i costi connessi ad un contratto di mutuo è, oggi, un’operazione accessibile a tutti grazie all’introduzione di un’unica voce. Si tratta dell‘ISC cioè l’Indicatore Sintetico di  Costo. Un valore di fondamentale importanza per comprendere appieno la reale sostenibilità di un mutuo o di qualsiasi altro contratto, attraverso un’ampia panoramica su tutte le spese, piccole e grandi, connesse al finanziamento.

E’ importante tenere presente che l’ISC non equivale al solo tasso di interesse applicato nel mutuo; sono tante le voci che ricadono in questa sigla che, quindi, rappresenta oggi il modo più efficace per indicare i costi che il cliente affronterà nel pagamento di un finanziamento. 

ISC: le voci che determinano il valore

Oltre al tasso di interesse e la quota capitale che dovrà essere restituita dall’utente alla banca, l’ISC comprende le spese di istruttoria, quelle relative all’apertura ed alla chiusura della pratica, i costi di incasso, la polizza assicurativa obbligatoria imposta dall’istituto di credito, il costo di un’eventuale  attività di mediazione di un terzo soggetto ed altri eventuali spese. Insomma proprio tutto viene incluso nell’ISC? Non proprio. Sono escluse dall’indicatore Sintetico di Costo i costi relativi alla prestazione di un notaio, le imposte previste alla stipula, gli interessi di mora e le spese legali per un’eventuale operazione di recupero dei crediti.

Comprendere appieno il valore del tasso ISC, in un contratto di mutuo, è quindi essenziale per capire i costi previsti nel finanziamento. L’aggiunta di voci non previste, invece, nella determinazione del TAN, il Tasso Annuo Nominale, rende il valore dell’ISC molto superiore. Solo valutando questa voce si può comprendere, infatti, il rispetto o meno del limite di “usura” previsti dalla legge. Basta leggere questo valore per capire, inoltre, la convenienza o meno di un contratto di mutuo. Ma come si legge l’ISC?

L’indicazione dell’Indice Sintetico di Costo è stata introdotta dalla direttiva europea 90/88/CEE mentre in Italia è stata la deliberazione del Comitato Interministeriale del Credito e del Risparmio a determinarne l’obbligo comunicando alla Banca d’Italia le modalità e i tempi di informazione a margine di ogni contratto. 

La voce è riportata attraverso una percentuale. Un tasso di ISC pari al 5% significa che su un finanziamento di mille euro, il cliente deve pagare cinquanta euro tra interessi e varie spese accessorie. Insomma un’indicazione chiara e che rappresenta il frutto di un’operazione matematica.

Calcolo dell’ISC: i passaggi da effettuare

La valutazione dell’ISC avviene attraverso una serie di passaggi molto semplici. Si tratta di un’operazione che ogni cliente può realizzare facilmente anche su internet. Sono tanti i calcolatori sul web che, attraverso la compilazione di alcune voci, sono in grado di fornire la percentuale dell’Indice Sintetico di Costo.

Vanno indicate sei fondamentali voci per consentire un’indicazione più veritiera possibile del valore. Il capitale erogato nel mutuo è senza dubbio l’elemento di maggiore importanza a cui deve seguire l’importo esatto della rata da pagare e la periodicità della stessa.

Il calcolo, come detto, può essere realizzato su numerosi portali in rete. Alcuni siti, oltre a determinare il valore dell’ISC, possono anche valutare la correttezza, o meno, dei costi applicati dalla banca. 

L’ISC come indicatore della convenienza del contratto

Come detto il valore dell’ISC è l’unico in grado di misurare i costi applicati sul finanziamento e, di conseguenza, l’onestà dell’istituto di credito. Per facilitare la vita dei consumatori, negli ultimi anni, un nuovo valore è stato affiancato all’ISC.

Si tratta del Tegm, un indice che riassume il tasso che, mediamente, gli altri istituti di credito applicano sul contratto di mutuo, dei prestiti, leasing ed altre operazioni di questo genere. L’indicazione di questo valore avviene regolarmente sul sito della Banca d’Italia.

 

Iscriviti alla Newsletter

Leave a Reply

Articoli più letti

FTX-Crypto
Non lasciate che il fiasco di FTX Crypto vi spaventi e vi allontani dal Bitcoin
2022-11-14
chi può richiedere un prestito personale?
Chi può richiedere un prestito personale?
2022-11-11
Poste italiane buoni fruttiferi 2022: le caratteristiche del ‘risparmio assicurato’ di Poste
2022-11-09
BPM Banking: accesso e caratteristiche della piattaforma BPM
2022-11-10
Trovare lavoro con i concorsi pubblici è possibile: ecco come fare
2022-10-19
Come funzionano gli straordinari e come vengono pagati
2022-10-14
Con l’Offerta Zero Spese si evitano brutte sorprese
2022-09-16
L’alternativa fra la carta di credito e un prestito personale
2022-07-25
contratti di lavoro
Tipologie di contratti di lavoro: la guida completa
2022-06-04
Visual Marketing: cos’è e perché è così importante
2020-05-02
Vendere l’oro di casa: che cosa è necessario sapere
2022-03-28
Surroga-del-mutuo
Surroga del mutuo: quante volte si può fare richiesta
2022-02-18
Difesa Debitori: i vantaggi e gli svantaggi della protezione offerta per gli indebitati
2016-07-21
Carta Hype, i vantaggi delle diverse versioni
2021-08-04
Come si calcolano le tasse in Svizzera
2021-07-20
Cos’è il prestito d’onore, chi può beneficiarne e come si attiva
2021-06-20
Fatturazione elettronica: omissioni e sanzioni
2021-02-26
Carta Agos eDreams: costo, funzionalità e vantaggi
2021-02-06
Aprire un call center: guadagni, vantaggi ed opportunità
2021-01-29
Fondo Metasalute: cosa copre, cos’è e come funziona?
2021-01-25
Oval Investimenti, cos’è e come funziona?
2021-01-21
Quanto costa aprire un B&b?
2021-01-19
Reverse charge: come funziona, come e quando si utilizza l’inversione contabile
2017-01-13
Cos’è Bondora, la piattaforma di social lending
2021-01-14
Tutti i vantaggi della PEC: le ragioni per cui averne una
2020-12-21
Informazioni infortuni domestici
Infortuni domestici, un fenomeno in crescita: ma gli italiani ne sono consapevoli?
2020-12-17
Che cosa si deve fare per richiedere un prestito on line
2020-10-24
Willis Assicurazione: requisiti, costi e opinioni
2018-01-15
Cosa cambia tra trust e polizze vita
2020-08-25
Offerte luce e gas: come muoversi sul mercato
2020-07-31
Quando conviene ricorrere all’assicurazione del credito
2020-04-10
Conti deposito: come scegliere quello giusto
2020-04-24
Conto Corrente
Conto corrente cointestato: cos’è e come funziona
2020-04-08
Cos’è e a cosa serve l’assicurazione professionale per un commercialista
2020-02-13
Cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto: dettagli ed operatività
2016-07-28
Tutti i motivi per cui conviene investire nei Lego
2020-01-17
Quotazioni BTP: ecco le previsioni per il prossimo futuro
2017-01-16
carta paypal
Carta prepagata PayPal
2019-12-20
Carta Prepagata YAP
Carta Prepagata YAP
2019-12-20
Carta prepagata Illimity
2019-12-15
Come diventare consulente seo?
2019-12-10
ViaBuy MasterCard
Carta prepagata ViaBuy MasterCard
2019-12-10
wiba-carta
Carta prepagata Widiba Maxi
2019-12-09
UniCredit
Carte prepagate UniCredit
2019-11-13
N26.1
Carte prepagate, cosa bisogna sapere per scegliere la migliore
2019-11-18
Revolut
Carta prepagata Revolut
2019-11-18
N26.1
Carta Prepagata N26
2019-11-08
carta hype
Carta Prepagata Hype, quali sono i vantaggi
2019-10-31
lego
Come aprire un franchising Lego anche nella tua città
2019-11-01
Conto deposito o btp
Conto deposito o btp: tutto ciò che c’è da sapere a riguardo
2019-10-31